bigoli (di Bassano) alle erbette

Capita che l’erba cipollina ti arrivi in dono propio dal mercato di Rialto in uno splendido bouquet di carta ruvida che sarebbe assolutamente da fotografare, poi però nella foga dei preparativi lo spago che lo lega lo si scioglie, la carta si dimentica sotto la finestra (e il gatto ci si fa le unghie) e l’erba la si usa, almeno in minima parte, per decorare certi bocconcini minuti di baccalà mantecato… ma la ciboulette, lei, è tanta e tanto vispa, che cosa ne facciamo? buttarla non se ne parla, ovvio, lasciarla sfiorirsi in frigo è solo un’ipocrisia, congelarla? sì, ma si annacqua quando poi la scongeli, per non parlare del profumo perduto… e allora? per fortuna che chi fa i doni spesso regala pure le istruzioni per l’uso, dunque l’erbetta cipollosa viene tagliata in generose fascette strette, raccolte poi in un barattolo e coperte di olio extravergine di oliva. Così si conserva meglio, non perde sapore ed è pronta per l’uso. L’erbetta se ne stava tranquilla nel frigo e pur sapendo che “si tiene” tranquillamente per una settimana o più, non c’è stato verso di resistere molto a lungo…

ne è venuta fuori una pasta profumatissima e semplice, costruita attorno alla ciboulette con qualche acciughina pestata, uno spicchio di aglio, i fiori di erba cipollina (della signora Fausta) di rinforzo e un pochino di rughetta veramente selvatica e piccantina (sempre della sigora Fausta)

L’unico dubbio in questo esercizio facile facile è stata la pasta: corta o lunga? tonda o dritta? alla fine più che la forma ci siamo decisi su base regionale: l’erba cipollina veniva da Venezia e viaggiava verso ovest dunque sicuro incrociava i bigoli di Bassano

La ricetta (a occhio)

Scaldare in un padellino l’olio extravergine d’oliva con uno spicchio di aglio, senza far sfrigolare troppo, scioglierci dentro le acciughette schiacciandole con la forchetta. Con l’intingolo condire la pasta scolata al dente, unendo generosamente l’erba cipollina (sotto olio) e infine spolverizzare di fiori di erba cipollina e rughetta selvatica (se non è tale, meglio astenersi).

maite

18 Commenti a “bigoli (di Bassano) alle erbette”

  1. comidademama scrive:

    Mi immagino quanto potesse essere bello il bouquet garni di erbe. Il papà di Marco ha vissuto per quasi venti anni accanto a quel mercato, quando insegnava in Accademia.

  2. cricri scrive:

    Vi adoro! Ho dei bigoli di Bassano ricevuti in regalo che ancora non mi sono decisa a cucinare… adesso ho l’ispirazione!

    Io amo le erbe aromatiche, nel mio minipseudogiardinetto non mancano mai… e per la rucolina ed erba cipollina selvatiche attendo la prima giornata di bel tempo per andare a fare incetta!

    Buona giornata e grazie per le belle cose che ci regalate ogni giorno!

  3. Virginia scrive:

    Mitici i bigoli de Bassan!!! Io li adoro…
    La mia erba cipollina è rigogliosissima, ma per i fiori è ancora presto…non vedo l’ora!

  4. sara scrive:

    anche la mia erba cipollina è già rigogliosa, per i fiori però dovrò aspettare purtroppo….

  5. sara scrive:

    ps: mi è già venuta fame…. e non è una bella cosa…..

  6. fra scrive:

    La mia salivazione è salita alle stelle…questo è proprio un modo di condire la pasta che adoro, tante erbe che rilasciano un aroma splendido che permane sul palato mentre la pasta accarezza la lingua…tutto ciò ha qualcosa di lussurioso
    un bacio
    fra

  7. marie scrive:

    @comida, si quel mercato…
    @cricri, grazie e poi di questo periodo è bello andar a fare passeggiate alla ricerca di erbette di campo.
    @virgi e sara, mi sa che per i fiori ci vuole ancora un po’ di pazienza, ma viva l’erba cipollina e tutte le erbette.
    @sara e fra, anche a me sta venendo fame, ovviamente.

  8. manu e silvia scrive:

    Che bella pasta! veloce, semplice ma molto saporita e profumata!
    baci baci

  9. ila scrive:

    Gnam gnam,che bontà!Con questa ricetta mi avete fatto venire fame e poi appena sento parlare di acciughe perdo la testa.
    Il bouquet doveva essere splendido e profumatissimo…
    Vorrei tanto che quella ciotola si materializzasse sulla mia scrivania ADESSO!
    Bella foto e grazie per il suggerimento su come conservare l’erba cipollina.

    Buona giornata a tutti.

  10. Giò scrive:

    che pasta meravigliosa! è uno dei sughi che preferisco! mi sono innamorata della ciotola color melanzana fuori e rosa dentro..la voglioooooo!!!

  11. comidademama scrive:

    Son l’unica a non avere ancora un piccolo orto aromatico sul balcone?
    Devo provvedere.
    Appena capisco per quanto tempo posso tenere i vasi nello stesso posto.
    Altrimenti perdo motivazione.

  12. Mariù scrive:

    Io vi adoro!!
    L’erba cipolllina la mangerei anche a colazione ma non avevo mai pensato di farne un ingrediente quasi principale (e tanto meno di conservarla in quel modo lí, grazie grazie grazie!).
    Ho scritto un post sui ‘bigoi de Bassan’ proprio poco tempo fa… ma io, che non sono il genio che invece siete voi, ci ho cucinato il piatto piú scontato che potesse venirmi in mente, i bigoli in salsa.
    Complimenti, come sempre siete eccezionali!

  13. sara scrive:

    Dai Elena!! con un po’ di costanza riuscirai a convincere il basilico di essere una pianta perenne, come ho fatto io quest’inverno, e lui, dopo aver vivacchiato nella stagione fredda adesso è un tripudio di foglioline nuove e verdissime!!! L’erba cipollina, più tosta per sua natura, ormai è convinta di questo e resiste in vaso all’aperto ad inverni come quello che sta finendo!

  14. comidademama scrive:

    Sara, ci proverò.
    Tutto pronto per la partenza?

  15. ilfotografo scrive:

    hola comida, stavolta vengo davvero… almeno spero
    ho già il biglietto

  16. comidademama scrive:

    sono molto contenta.

  17. Laura scrive:

    Grazie a Enza di io da grande vi ho trovato, che sito stupendo.

    Il calicanto e’ uno dei miei fiori preferiti, mia nonna ci tagliava sempre dei rami dal suo giardino che ci profumavano la casa della primavera ancora lontana. Ho cercato di trovarlo, ma in California e’ poco comune.

    Per coincidenza ho fatto anch’io i Bigoli in salsa proprio ieri. Le cipolle erano californiane, come vorrei avere usato l’erba cipollina veneziana, avrebbe detto essere in visita nella mia citta’ natale.

    Arrivederci!

  18. maite scrive:

    @Laura: grazie e benvenuta! e grazie anche a Enza che ti ha portato qui… le tue suggestioni californiane con cuore veneziano sono una bella scoperta.