clafoutis di piselli

Da qualche tempo sulla scia di buffi ragionamenti associativi capita di chiedersi cose come: nel passaggio dal dolce al salato posso assimilare (nelle dosi e nei modi) lo zucchero al parmigiano? Non si tratta di sillogismi di nessuna figura (come era stato per acciuga e melone) e nemmeno (probabilmente) di foodparing. Ha qualcosa di assolutamente più infantile, come quando si cuocevano paciocche di terra bagnata ed erba sminuzzata. Il gioco suonava più o meno così: facciamo che la terra è la farina, la ghiaietta il cioccolato in granelli, i petali di margheritine la margarina (che allora si usava), ci mettiamo pure due capelli (uno mio e uno tuo), impastiamo tutto e cuociamo al sole e Callois lo avrebbe chiamato, forse, gioco di travestimento…

La ricetta

Ingredienti
stesse dosi di quello classico, solo sostituiamo lo zucchero con il parmigiano e mettiamo più latte quindi:
2 tuorli e 1 uovo intero
100 g di farina
100 g di parmigiano
2 bicchieri di latte
pisellini freschi q. b. a coprire la base della tortiera
100 g burro + un po’ per ungere
pangrattato
sale, pepe
Ungere la teglia con il burro e cospargere di pangrattato, versare i pisellini sgusciati crudi. Montare le uova con la farina, unire man mano il pangrattato, il burro fuso e il latte, salare, pepare versare sui pisellini e infornare in forno caldo. Cuocere per circa 30-40 minuti.

maite

18 Commenti a “clafoutis di piselli”

  1. Mademoiselle Manuchka scrive:

    comunque fate sempre ste foto meravigliose
    la prima verdissima é bellissima
    have a nice day

  2. Mary scrive:

    Pretty nice post. I just came by your site and wanted to say
    that I’ve really enjoyed browsing your posts. Any way
    I’ll be subscribing to your feed and I hope you write again soon!

  3. lenny scrive:

    Questo “gioco di travestimento” o comunque lo vogliamo chiamare, dà ottimi risultati: meravigliosa la foto dei piselli!

  4. sara scrive:

    le paciocche di terra bagnata mi ricordano una certa casetta in mezzo agli alberi….
    bellissima questa variazione sul tema, che mi fa venire in mente come il clafoutis possa essere visto come la versione chic del trentinissimo smacafam….

  5. comidademama scrive:

    Che colori delicati che ha questo clafoutis.
    La mia versione salata del clafoutis è con i peperoni arrostiti.

    A Barcellona Claudia Castaldi ha sperimentato la calçotada popular, chissà se questa cosa l’ha incrociata pure il fotografo. (nota le reti da materasso usate come griglie)

  6. PuroLino.it scrive:

    apprezzo moltissimo la scelta del Parmigiano al Grana. Troppo spesso confusi e sostituiti.
    E poi ovviamente apprezzo le foto…la prima macro è favolosa!

  7. merilux scrive:

    dagli ingredienti è scomparso il parmigiano;i 100 gr. di pangrattato vanno sostituiti con il parmigiano?

  8. Virginia scrive:

    Cari Calycanti, invece di fare tortine con la terra, pensate sia ora di darmi un vostro recapito per spedizione pacco oppure no??

  9. fra scrive:

    questo gioco del travestimento ha dato un risultato fantastico, questo cafoutis ha un aspetto assolutamente delizioso
    Un bacione
    fra

  10. iLa scrive:

    Uh che bella idea! La provo! Non ho i piselli ma ho giá un’altra idea!

  11. ila scrive:

    …e di questa stupenda foto dei piselli nel loro bacello ne vogliamo parlare? Vorrei sapere che ne pensa il Fotografo…
    Grazie per questa variazione salata del clafoutis, mi intriga tantissimo e la voglio assolutamente provare.
    Buona giornata a tutti e bentornata Comida.

  12. Mariù scrive:

    Ahah, ‘ci mettiamo pure due capelli (uno mio e uno tuo)’, ahahahah!! Quanto era vero…
    Bravissimi come sempre. Elegantissimo, raffinatissimo, buonissimo clafoutis.
    Un bacione,
    m.

  13. Babuska scrive:

    Ehm, posto che son pronta con tutto l’ambaradan per rifare questa delizia con i piselli che ho sgusciato nottetempo e i peperoni, così vi mixo con Comida, mi date conferma che i 100 grammi sono di parmigiano e non di pangrattato? Grassie ragazzi.

  14. comidademama scrive:

    Ila grazie mille per il bentornata

    Babuska il clafoutis di peperoni ha una ricetta un po’ diversa da quella dei calicanti. Il parmigiano viene misurato a cucchiaiate abbondanti, e sono quattro cucchiaiate.

  15. Babuska scrive:

    Elena, grazie della precisazione. Confesso che non ero passata da te, ma avevo già in mente di aggiungere il mezzo peperone avanzato oggi passato al crisp del micro. Cmq allora, per la proprietà transitiva, vado di parmigiano e pangrattato solo sul fondo. Scusate tutti, ma l’unico esempio di clafoutis salato è stato con i pomodorini (forse troppo acquosi) e m’è venuto super-molliccio.

  16. comidademama scrive:

    Babuska, prego. Sono solo passata a innaffiare le piante e cambiare la sabbia al gatto.

    maite, marie, il fotografo tornate presto dai vostri viaggi

  17. maite scrive:

    grazie comida e grazie tutti! della pazienza anche… che il pangrattato stava sotto e il parmigiano dentro, ma lo avete capito per fortuna..
    Qui da Firenze (senza rete… ehm…) sto collegata fortunosissimamente da un internetpoint con musica da supermercato dove un energumeno comunale mi ha scortato fino all’ingresso che c’è il calcio fiorentino in corso e si picchiamo tutti, speriamo di poter uscire (viva), speriamo che il fotografo rientri (che sarebbe ora…) e che Marie guarisca (poverina…). Baci sparsi

  18. Dada scrive:

    Qui tutto si trasforma meravigliosamente. Ottima idea!