spaghetti frigitelli e ricotta salata

Ci sono matrimoni che nascono nel frigo. In questo caso una forma di ricotta salata siciliana transitata indenne da un minuzioso controllo bagaglio-a-mano ha incontrato friggitelli “napoletani” trasmigrati stranamente a nord fino al mercato del martedì della signora Fausta. Insomma il matrimonio si doveva proprio fare, era destino. Insieme ci abbiamo messo spaghetti e pepe nero, facile e felice.

La ricetta

Ingredienti
friggitelli
ricotta salata
olio extravergine di oliva
pochissimo pan grattato (di pane di semola!)
aglio (rosso di Nubia sarebbe il meglio)
spaghetti (ma anche linguine)
sale e pepe

Lavare i friggitelli asciugarli bene, quindi metterli in padella con olioextravergine e uno spicchio d’aglio, cuocere a fiamma viva con un coperchio ben pressato sopra, salare verso la fine della cottura, quindi tenere da parte. Cuocere la pasta, scolarla, tenere da parte un po’ di acqua di cottura e mantecarci la ricotta salata grattugiata, aggiungere olio extravergine e la pasta, mescolare velocemente quindi unire i friggitelli, pepare e servire.

maite

24 Commenti a “spaghetti frigitelli e ricotta salata”

  1. Mademoiselle Manuchka scrive:

    bomba libera tutti ;D

  2. maite scrive:

    oh là la! hai vinto un cioccovo!

  3. comidademama scrive:

    Un cacio e pepe rinforzato.
    Signora Fausta= siamo a pochi Km di distanza?
    Se è così spero di vederti, almeno tu Maite. A meno che la vendemmia ti faccia nuovamente allontanare.

    Domani vado a comperare un po’ di mele desuete, chissà sei faccio in tempo a fartele assaggiare?

  4. comidademama scrive:

    (note to self: leggere le risposte ai commenti. )
    Accidenti, parto domani presto per le mele desuete, nella valle dei mocheni, con una signora americana molto simpatica. Potevamo andarci insieme. Facciam così, che vedo la strada e al limite ci torniamo una seconda volta. Ti chiamo domani mattina.

  5. Gaia scrive:

    Facile e felice!

  6. Luca scrive:

    Questi li devo proprio assaggiare..!

  7. francesco scrive:

    se per frigitelli intendete le “cime di rapa” tipiche della campania allora si chiamano friarielli.
    un saluto

  8. valina1977 scrive:

    ce l’ho ce l’ho ce l’ho… ora devo solo provarli!;-)

  9. maite scrive:

    managgia a Aldo, mannaggia! lui (napoletano autenticissimo, ma in effetti negatissimo per la cucina) ci ha detto che frigitelli sono quei peperoncini piccoli verdi e dolci un po’ simili ai pimientos de padron e noi da allora ci crediamo. Ora vien fuori che non è vero?

  10. marie scrive:

    Oh la la, Aldo cosa ci combini….

  11. fra scrive:

    un matrimonio davvero felice e saporito!
    Un bacione
    fra

  12. Mademoiselle Manuchka scrive:

    si, ma che cos’é il cioccovo???

  13. Mademoiselle Manuchka scrive:

    mica sembrano cime di rapa, si vede che sono (peperoncini verdi??) e poi, non lo volevo dire, ma se é vero che la soca di nizza a viareggio si chiama la calda e cosi’ via, per ogni luogo un nome diverso, se a casa di Francesco si chiamano friarelli, forse a casa di Aldo si chiamano frigitelli, e magari a roma con due G.

  14. maite scrive:

    @Mllemanu: il ciccovo? una roba buonissima per i bambini anni cinquanta!

  15. francesco scrive:

    a correzione parziale del mio intervento posso dirvi che, trattandosi di peperoncini e non di “cime di rapa” (dalla foto non avevo capito),sono i “peperoncini verdi friariello” tipici dell’acerrano-nolano e dell’agro nocerinosarnese detti anche “friarielli (o peperunciello) e’ ciumm”.
    e vi risparmio la storia dei cistercensi francesi che fondarono la prima abbazia (campana) lungo il fiume sarno.
    in ogni caso a napoli si dice (anche) frigitello nel tentativo di italianizzare una denominazione che sembra dialettale e non lo è (come dire loti perchè kaki sembra brutto).

  16. Dana scrive:

    Io ho una zia di Napoli e so che i friggitelli e i friarielli sono proprio due cose diverse: uno dei due assomiglia ai broccoletti broccoletti, l’altro i peperoncini verdi.
    Ora però non ricordo qual è l’uno e qual è l’altro!

  17. maite scrive:

    @francesco: evviva! allora perdoniamo aldino che in effetti tutto torna visto che mi sembra di ricordare abbia origini aversane. grazie infinite per le spiegazioni iper-competenti.

  18. maite scrive:

    ah sì, in effetti aldo dice loti

  19. Jacopo scrive:

    Siii, è un abbinamento che ho fatto un paio di anni fa anche io (ma non pubblicato :-/) con i friggitelli tagliati a rondelle. Veramente ottimo l’incontro dei sapori (la ricotta salata, poi, valorizza sempre ogni condimento…

  20. isafragola scrive:

    L’ultima volta che ho fatto i friggitelli al forno mi è caduta la teglia dopo un’ora di lavoro… APpena supero il trauma questa sarà la prima ricetta!

  21. agiu scrive:

    allora, i frigitelli dovrebbero essere i peperoncini verdi (puparurielli piccanti), mentre i friarelli sono quella specie di broccoletti amarognoli e conditi con olio e un pò di peperoncino (con la salsiccia sono buonissimi).
    questo è quello che so ma, si sa, sono negatissimo per la cucina, e sono di quelli che mangiano e apprezzano le cose buone ma non si pongono troppe domande su cose tecniche. Se proprio vi interessa chiarire, chiederò a mammà.
    saluti a tutti e scusate la latitanza (nessun problema con la giustizia sia chiaro, solo ancora non mi sono ripreso dalle vacanze e sono in cerca di un assestamento -eheh-).

  22. [...] Ricotta, calorie e valori nutrizionali – DietaLand Fusilli con tonno e ricotta : UnBuonBicchiere spaghetti frigitelli e ricotta salata | la cucina di calycanthus Ricette semplici: ciambella alla ricotta Peccati di Gola » Blog Archive » Ricetta della [...]

  23. Mariù scrive:

    Raccontate sempre tutto in un modo speciale!

  24. [...] spaghetti frigitelli e ricotta salata Ci sono matrimoni che nascono nel frigo. In questo caso una forma di ricotta salata siciliana transitata indenne da un minuzioso controllo bagaglio-a-mano ha incontrato friggitelli “napoletani” trasmigrati stranamente a nord fino al mercato del martedì della signora Fausta. Insomma il matrimonio si doveva proprio fare, era destino. blog: la cucina di calycantus | leggi l’articolo [...]