pesto di nepitella, noci fresche e pinoli

In vendemmia, ogni vendemmiatore lo sa, uno dei momenti più belli è il pique nique a pranzo… la tanto agognata sosta che si inizia ad aspettare già dal mattino presto. Ci si sceglie un posticino, chi su di un sasso, chi all’ombra, chi spaparanzato tra le foglie, chi comunque indaffarato a disporre, preparare, controllare che tutti abbiamo un piatto e un bicchiere di vino. Questo pesto ci è venuto in mente, proprio alzando gli occhi dal pique nique della vendemmia, perché in questo periodo la nepitella ( vedi dizionario ) cresce un po’ ovunque e sono state raccolte noci fresche giusto giusto in questi giorni. Un pesto fresco con il quale si può condire la pasta (anche fredda) oppure tartinarlo, come abbiamo fatto qui, sul pane toscano.

La ricetta

ingredienti
un mazzo di nepitella
4 o 5 noci fresche
una manciatina di pinoli
olio d’oliva q.b.
1 dente d’aglio
sale, pepe

Separare le foglioline della nepitella, lavarle bene e procedere a montare il pesto secondo modalità tradizionali (se si ha il tempo), oppure visto che in vendemmia si corre sempre cacciare tutto nel frullatore, andare un po’ a occhio, assaggiare spesso e aggiustare fino alla consistenza desiderata.

maite, marie e il fotografo

15 Commenti a “pesto di nepitella, noci fresche e pinoli”

  1. comidademama scrive:

    Deve avere un ottimo sapore.
    Le foto mi fanno bene agli occhi, potreste brevettarle.

  2. elisabetta scrive:

    elena mi ha rubato le parole :-)

  3. Luvi scrive:

    unico m io dubbio.. non è un po’ troppo “forte” un pesto di nepitella?

  4. maite scrive:

    @Luvi: troppo forte no, semmai il problema è quello di bilanciare il fondo di amarognolo che sia la nepitella che le noci fresche hanno, per questo abbiamo sbucciato con cura le seconde (povera marie…) e aggiunto i pinoli. Posso immaginare poi che nella versione pasta, l’aggiunta di parmigiano o pecorino aiuti un altro po’, ma per gusto personale non eccederei in formaggio perché mi piace sentire forte il sapore delle erbette
    @Elisabetta & @Elena: troppo buone! riferirò al fotografo e prima o poi si monterà la testa…

  5. valina scrive:

    ho sentito nominare la nepitella x la prima volta 2 anni fa, qnd a firenze alloggiavo da una vecchia signora….da noi non è molto conosciuta..

  6. Gaia scrive:

    Eh, si, la nepitella.. in campagna da noi crece dovunque!

  7. Luce scrive:

    Ragazze e fotografo cari, vi scopro solo questa mattina girovagando nei siti culinari del web e … che dire? Complimenti veramente per il vostro bellissimo sito. Le fotografie sono strepitose (il fotografo ha tutte le ragioni per montarsi la testa!) e le ricette apparentemente squisite. Dico apparentemente perchè non ho ancora avuto il piacere di provarne alcuna ma … vi farò sapere anche se sono sicura che avrò cattive sorprese.
    Maite … che nome meraviglioso, mi ricorda una mia carissima amica d’infanzia di origine basca …
    Marie .. serais-tu française?
    Complimenti ancora
    Luce

  8. maite scrive:

    Cara Luce,
    grazie per tutti i tuoi complimenti, speriamo solo che tu abbia buone e non cattive sorprese provando le ricette… ehm.. o perlomeno buone conferme…
    Marie è effettivamente moitié française, io invece ahimè nessuna origine basca.
    Grazie ancora
    Maite

  9. fra scrive:

    Ho come l’idea che sia delizioso!
    baci
    fra

  10. Azabel scrive:

    Non troverò mai la nepitella e le noci fresche… non è che se ne può avere un vasetto, no, vero?!?
    Strepitoso!

  11. Michelangelo scrive:

    domandone: stesso procedimento anche con la menta? Possibile?

    Ancora non sono riuscito a far un pesto di menta come si deve :/…
    grazieee!

  12. maite scrive:

    @Michelangelo: eh, domandone… andando a occhio ti dico che secondo me si può tentare visto che la nepitella è di famiglia, ma eviterei di certo il formaggio e considererei che la menta è meno “secca” e meno amara della nepitella. Se la fai ci fai sapere vero?

  13. Luvi scrive:

    :D grazie

  14. graziella scrive:

    ” finalmente ho capito perchò amo tanto l’aroma della nepitella: è uno scorpione! come me. Avete già provato la tartare di carne con la nepitella?

  15. maite scrive:

    @graziella: caspiterina sì! è seducente la spiegazione astrale. Per la tartare di carne cruda dobbiaamo provare, assolutamente! grazie.