cake di zucca, olive e aceto balsamico

Da qualche tempo c’è qualcuno che la sera (quattro sere su sette), si becca un certo corso con la dicitura “alimentare” nel titolo… si torna a casa stanchi, soprattutto quando piove e tira vento, con le foglie che starnazzano nelle pozzanghere e la sciarpa tirata fin sopra le orecchie. Ma ieri sera la lezione era di degustazione (di_vino!), dunque cuore tenuto al caldo e stanchezza rinviata un po’ più in là. Anche perché, giusto per non perdere la strada del ritorno, si mangiava pure qualcosina e allora ci è scappato fuori questo cake (e un altro suo fratello…) ispirato a una ricetta siciliana, ma declinato un po’ a metà, né dolce, né salato, né pane, né cake…. Perché la degustazione era bendata e dunque serviva essere prudenti!

La ricetta

Ingredienti
150 g di farina
2 uova
200 g di polpa di zucca (già passata in forno)
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
20 olive neri grandi dolci
1 cucchiaino di lievito
1 cucchiaio di aceto balsamico
poco sale

Privare la zucca dei filamenti e cuocerla in forno così com’è (con tutta la buccia) a temperatura media finché non risulterà mordida (40 minuti circa), quindi prelevare la polpa con un cucchiaio e schiacciarla con una forchetta. Denocciolare le olive, e ripasarle in un padellino con un cucchiaio di olio extravergine di oliva, quando saranno gonfie unire l’aceto, far restringere qualche secondo quindi togliere dal fuoco e tagliare a pezzetti. Sbattere le uova, unire la farina, quindi la polpa di zucca (fredda e schiacciata), 3 cucchiai di olio extravergine di oliva, il sale, le olive e in fine il livito. Versare negli stampi da cake e cuocere in forno a media temperatura per 45 minuti circa.

maite

12 Commenti a “cake di zucca, olive e aceto balsamico”

  1. [...] Link fonte:: cake di zucca, olive e aceto balsamico | la cucina di calycanthus [...]

  2. comidademama scrive:

    Avrei una domanda sull’origine degli archetti che il vino forma sul vetro, ma ve la faccio dal vivo così saremo costretti a fare molte prove. Per la scienza, beninteso.

    Invece vorrei sapere dove avete trovato il contenitore del cake e se regge le temperature senza carbonizzarsi. E sto cercando nella mia testa di capire dove l’ho visto fotografato prima di adesso.

  3. maite scrive:

    @Elena: gli archetti ne prliamo fuori da questa settimana, che mi sa che è diabolica per tutti… i contenitori dei cake reggono perfettamente e mi è sembrato un miracolo, vengono dritti diritti da certi negozietti dietro les Halles dove dovremmo, prma o poi, andare tutte insieme

  4. Il plumcake con la zucca e le olive mi sembra assolutamente godurioso e da provare!
    Per il contenitore mi pare molto carino, ma penso che venga uguale in uno “normale”, o no?
    Baci

  5. fra scrive:

    un cake davvero bello e gustoso, perfetto da accompagnare a un calice di vino, affettati e formaggio!!!
    Un bacione
    fra

  6. agri scrive:

    ha ragione Comidademama, i contenitori sono molto carini e anche molto fotogenici. mi prenoterei anch’io per quella famosa gita…

  7. maite scrive:

    e allora gita sia, ma con camion rimorchio al seguito così già che ci siamo andiamo pure dai Tang Frères a toglierci qualche sfizio che treno e aereo non hanno permesso… detto questo e nell’attesa, @Stefania certo che il cake viene ugualissimo in altro contenitore.

  8. Acilia scrive:

    Il delizioso contenitore del cake somiglia a quelli dei muffin che tempo fa mi portò un’amica da Parigi. Anch’io sarei interessata a sapere se regge la temperatura senza carbonizzarsi :-)
    La ricetta mi piace moltissimo, voglio provarla quanto prima. Complimenti per le belle foto di sempre.

  9. marie scrive:

    @Acilia, si la temperatura regge benissimo, sono perfetti e poi così carini, ne avremmo dovuti comprare molti di più…
    si, si Maite, il rimorchio e di corsa…a Parissssss

  10. jacopo scrive:

    Bella… originale, sicuramente diversa dalle altre ricette con la zucca che girano di questi tempi :-D
    P.s.: non ho mai sentito le foglie… “starnazzare” :-D

  11. carla scrive:

    Tempo di zucche si sa…in questa versione “cake con olive e aceto balsamico” davvero stuzzicante!

    Se posso aggiungermi al rimorchio…ci sono anch’io :)
    Pensa se davvero andassimo tutti insieme a Parigi, faremo una pulizia ai negozi che vendono di questi oggetti per cucinare :)

    Baci

  12. maite scrive:

    @jacopo: ti assicuro se ascolti bene, quando tira vento e sei solo per strada in una città di provincia starnazzano eccome!
    @carla: assolutamente! solo teniamo a mente che non so bene perché in tutti questi negozi l’iva è a parte, cosa poco consueta in Francia per tutti gli altri comparti…