cake di zucca ricotta e pepe di sichuan

Non tutte le ciambelle escono con il buco e, in questo caso, non tutti i cake nascono per essere cake.
Perché se in cucina declinare le ricette è sempre (quasi?) una cosa divertente, a noi ci piace proprio. Così, questa volta, avevamo provato a fare gli gnudi (quelli col cavolo nero) di zucca, ma… non son riusciti molto bene e quindi sono stati trasformati in cake di salvataggio. Che poi, in fondo in fondo, la pasta un po’ morbida all’interno poteva pure ricordarci “lo gnudo” perduto per strada, essendo anche lei un po’ nuda e un po’ tenera.

La ricetta dunque parte da quella degli gnudi ai quali abbiamo aggiunto: 200 g di farina mezza bustina di lievito 1 uovo un po’ di olio d’oliva pepe di sichuan e cottura in forno moderato finché la punta del coltello non è emersa umida ma non appiccicosa.

marie

19 Commenti a “cake di zucca ricotta e pepe di sichuan”

  1. agri scrive:

    piango un po’

  2. fra scrive:

    questi gnudi trasformati in cake devono essere straordinariamente buoni e profumati
    Un abbraccio e buon fine settimana
    fra

  3. Virginia scrive:

    Bellissimi gli scatolini porta-gnuno-trasformato-in-cake…

  4. valina1977 scrive:

    il pacchettino è fantastico!!! Buon w-end Vale

  5. Gaia scrive:

    Ma a voi gli esperimenti falliti vengono sempre cosi’ bene??
    Ho rifatto, come avevo promesso a maite, la vostra verrine di melograno.. (http://profumodimamma.blogspot.com/2009/11/la-panna-rosa.html)
    ma non sono riuscita a ripetere il vostro errore… forse colpa dell’agar agar?
    buon fine settimana!!

  6. La capacità di trasformare un errore in delizia è prerogrativa dei grandi cuochi! E questi piccoli cake han l’aria di essere proprio una ricca delizia profumata e gustosa!

  7. ilfotografo scrive:

    eh, cara gaia, mi capisci ora! le cuoche di la in cucina a fare esperimenti e il fotografo fuori ad aspettare un po’ preoccupato sia per la foto da fare.. che uscirà fuori? per fortuna mi aspetta una pausa barcellonese, chistorra e chorizo fritti e qualche pinta di sidro, magari con un po di patatas bravas e alioli

  8. maite scrive:

    povero fotografo… e io nel treno più assurdo che ci sia, uffa!

  9. Anoushka scrive:

    j’aime beaucoup!
    :)

  10. marie scrive:

    eh io non vi dico…no treno, no party e no Barcellona, no party.

  11. Che invidia e vi sono venuti pure bene! Esattamente come la grande Julia Child e allora bon appetit e bon voyage!

  12. Gaia scrive:

    beh,
    allora buon viaggio a chi viaggia e buoni intrugli a chi rimane!!
    ;-)

  13. comidademama scrive:

    calycanti in viaggio, ci rivedremo mai?

    belli questi gnudi persi per strada

  14. ilfotografo scrive:

    dai elena, non disperare. intanto oggi ho trovato qualcosa di carino al mercato di sant antoni! bellissimo.

  15. maite scrive:

    a firenze (ci sono arrivata alla fine…)invece, a parte 10.000 maratoneti e due elicotteri, c’era pure un mercatino (carissimo!) ma non ho comprato nulla, ma proprio nulla, anche se due tazze carine ci sarebbero pure state…

  16. Marie scrive:

    ma anche io voglio il mercato di sant antoni… o quello di Firenze, uffi…

  17. Roberta scrive:

    non riesco a leggere il testo del post … http://lacucinadicalycanthus.net/?p=1728

  18. rita scrive:

    la ricetta non c’è però la foto è invitante

    • maite scrive:

      Hai ragione Rita, scusa. Qui sono ancora gli effetti nefasti del trasloco del server congiunti con quelli del trasloco fisico (il computer con l’archivio è impacchettato), appena ci sblocchiamo la carichiamo. Porta pazienza.