spaghetti allo sgombro

A Roma in questi giorni il sole va e viene, bisogna esser lesti ad approfittarne la mattina, ad apparecchiarsi un pasto al sole per pranzo perché poi nel pomeriggio, sembra immancabilmente, abbiamo diritto al monsone giornaliero. Dunque un po’ al volo tra la cucina e la terrazza ci siamo cucinati (esecuzione di Luca, spartito di Rocco) spaghettini dall’aria estiva, con un pesciolino pre-arrostito e poi condito con molti semi di finocchio. Tutto un po’ correndo, ma l’illusione dell’estate c’era tutta.

La ricetta

Ingredienti
2 sgombretti freschi
cipollotti giovani
semi di finocchio
capperi
mollica tostata
olio extravergine di oliva
sale

Cuocere gli sgombri (ben curati e lavati) a vapore, splelarli e ricavarne la polpa, tenere da parte.
Soffriggere in poco olio extravergine di oliva i cipollotti affettati molto finemente, unire i semi di finocchio e i capperi sciacquati dal sale; quando la pasta è cotta, aggiungere al soffritto un paio di cucchiai di acqua di cottura e mantecarci la pasta. Al momento di servire cospargere di pangrattato fatto tostare in padella.

maite e marie

3 Commenti a “spaghetti allo sgombro”

  1. Valeria scrive:

    un piatto di pasta così, con l’estate finalmente alle porte, è il massimo! che voglia di pesce fresci fresco…

  2. Glu.fri scrive:

    essenziale, semplice e saporita…che si vuole di piu?…Lo sgombrooooo, io affacciata sull’atlantico non lo trovoo! Va beh mi limitero’ a archiviare la ricetta e farla appena tocco il mediterraneo un’altra volta…

  3. kosenrufu mama scrive:

    delizia, proprio in questi giorni lo sgombro si è affacciato sulla mia tavola, ma semplice con un filo d’olio e prezzemolo per condire la pasta. la tua veloce ricetta mi ha illuminato per una variante che proverò sicuramente la prossima cena veloce.