mini-crumble di puntine di asparagi

Le cose piccole hanno un fascino speciale e così facilmente finiscono per accumularsi. Poi quando si tratta di usarle si scopre che il mondo, anche quello alimentare, non è fatto in miniatura.
I ciotol-ini per i mini, mini, mini crumble sono rimasti ad aspettare qualcosa di sufficientemente piccolo da riuscire a starci dentro comodamente, finché da un mazzo di asparagi verdi son saltate fuori due ideuzze in uno solo colpo. Ideuzze piccine anche loro, ma di quelle che pure qualche soddisfazione la danno, se non altro perché sollevano dal senso di colpa di un accumulo di caccavelle formato mignon. Bastano un poco di puntine di asparagi e i ciotolini da inutili si trasformano in indispensabili, da futili a “mai più senza” o quasi…

La ricetta

Gli asparagi sono stati cotti a vapore, i fusti hanno preso un’altra strada, le puntine sono state messe sul fondo (si fa per dire) dei ciotolini leggermente imburrati, quind cosparse di bricioline di farina e burro impastati grossolanamente insieme con sale e pepe e poco parmigiano grattuguiato. In forno giusto il tempo di fare la crosticina.

maite e marie

8 Commenti a “mini-crumble di puntine di asparagi”

  1. la gaia celiaca scrive:

    le ciotoline sono bellissime.
    i crumble pure.
    una domanda: ma così a secco, senza nessuno “sgunto”?

  2. Ciao Maite,
    era un pochino che non passavo a lasciarvi un salutino. Adoro queste ciotoline e il crumble con gli asparagi mi piace oltremodo.
    Un caro abbraccio a te il fotografo e marie
    Elisa

  3. nina scrive:

    anche io ci entrerei in quei ciotol-ini.
    bac-ini

  4. Glu.fri scrive:

    Belle queste ricettine fnger food…per me sono ideali, qui le cene iniziano sempre con una “picadita”, in genere ancora non seduti a tavola, uno spuntino, poi un piatto principale, un dolce e fine della storia. Per cui queste cosine piccole e veloci sono ideali…in attesa di un bel PDF…

  5. maite scrive:

    @lagaia: ehm, sì in effetti senza altro “sgunto” (la parola rende benissimo l’idea) ma quel pp’ di burro fa il suo “sporco” lavoro
    @Elisakitty: un caro abbraccio anche a te (anche da parte di quegli altri due)
    @ninè: te soprattutto devi entrare in un certo ritratto…
    @Glu.fri: sembri delusa della struttura della comida a Buenos Aires, è così? io mi ricordo soprattutto asado e poi versioni argentine di cose assolutamente europee, tipo il membrillo: me lo hanno fatto assaggiare come fosse una gloria nazionale ma per me era semplicemente la cotognata di mia nonna

  6. Francesca scrive:

    questa pietanza, nel suo stile semplice e sublime (quasi zen?), potrebbe essere accompagnato da un buon tè, come gesto ospitale per gli amici.
    p.s. complimenti per il blog, vi seguo da un pò, di nascosto :-)

  7. Micaela scrive:

    ieri ho comprato gli asparagi, oggi li sperimento nella versione mini-crumble … ma non ho tutte le ciotoline … :-(( … ho un problema inoltre: ho perso ogni attrattiva per la simmetria e mi esalto alla vista dello sbilenco? ma quanto mi piace ‘sta foto!!??!!

  8. [...] di mangiare il monitor: alle ciliegie, ai mirtilli, con le prugne, le pesche e le more e pure con gli asparagi [...]