treccia alla crema vaniglia e mirtilli

La ricetta di questa cosina qui sopra viene diretta diretta dal blog di Anoushka, origini polacche e vita francese. Una volta adocchiate le trecce sulle sue pagine non c’è stato niente da fare, il fallait absoluement, bisognava in ogni modo. Un po’ di tempo (e un po’ di coraggio) però c’è voluto per decidersi e buttarsi, perché ad intrecciare una cosa ripiena (che ha lievitato tre volte!) non ci avevamo provato mai.
Poi mani in pasta, computer sulla mensola di cucina e traduzione ripassata mentalmente passo per passo, la faccenda si è rivelata possibile ed anzi piuttosto goduriosa: meglio che farsi le trecce con i capelli!
Il profumo in cucina era da sballo e la colazione del mattino da primo giorno di scuola.

la ricetta (semplicemente tradotta dal blog di Anoushka)

Ingredienti

per 2 trecce

per la pasta:
550 g di farina
100 g di burro
100 ml di latte
125 ml di panna a 25% mg
30 g di zucchero vanigliato
7 g di lievito di birra
3 tuorli
1 pizzico di sale
scorza di limone biologico

per la crema alla vaniglia:
250 ml di latte
2 rossi d’uovo
2 cucchiai di maizena
3 cucchiai di zucchero
1 bastoncino di vaniglia
1 pizzico di sale

in più:
2 cucchiai di panna
1 rosso d’uovo
300 g di mirtilli
granella di zucchero per la decorazione [noi lo abbiamo omesso]

Fare scaldare il latte, aggiungere il burro e aspettare che sia completamente sciolto. Lasciare intiepidire. Setacciare la farina, incorporarvi i rossi d’uovo, il latte con il burro, la panna, il lievito, lo zucchero vanigliato, la scorza di limone e il sale. Impastare bene con l’aiuto di un robot fino a che la pasta non risulta brillante ed elastica. Trasferire l’impasto in una grande terrina, coprire con la pellicola e lasciare riposare in un luogo caldo per farla duplicare, meglio ancora triplicare in volume [noi lo abbiamo avvolto in una borsa di lana].
Preparare la crema vaniglia. Sbattere metà del latte freddo con i rossi d’uovo e la maizena. Mescolare il resto del latte con lo zucchero, il sale e i grani di vaniglia. Far scaldare e, sempre mescolando, versarci lentamente il latte con i rossi d’uovo. Far scaldare a fuoco dolce finché il composto non comincia a inspessirsi. La crema non deve risultare troppo liquida [è molto importante!! ]. Lasciare raffreddare completamente la crema.
Lavare e asciugare con cura i mirtilli. Incorporarli delicatamente nella crema e tenere da parte.
Rilavorare la pasta e lasciarla ancora una volta duplicare. Quindi dividerla in due, stendere finemente ogni pezzo formando un rettangolo. Spalmare su ogni rettangolo di pasta la metà della crema ai mirtilli lasciando 3 cm di bordo libero. Arrotolare la pasta e incollare bene i bordi. Tagliare i rotoli in due nel senso della lunghezza lasciando un’estremità attaccata, quindi intrecciare tra loro le due parti tagliate.
Appoggiare le trecce su una placca rivestita di carta da forno, lasciando un po’ di spazio tra le due. Metterle nuovamente al caldo e lasciarle duplicare di volume per circa 20 minuti.
Sbattete insieme l’ultimo tuorlo con la crema fredda. Con l’aiuto di un pennello da cucina impregnare la pasta e spolverizzare con la granela di zucchero. Fare cuocere 30 minuti nel forno preriscaldato a 180°C.
Lasciar raffreddare sulla griglia una volta sfornate.


maite

17 Commenti a “treccia alla crema vaniglia e mirtilli”

  1. Diletta scrive:

    Che spettacolo!!!
    e che voglia di colazione da primo giorno di scuola…

    Un sorriso intrecciato,
    D.

  2. Milena scrive:

    Mi fate iniziare bene la giornnata :)

  3. Micaela scrive:

    il buongiorno si vede dal mattino … se la gustano gli occhi mentre il mio palato si accontenta del coffee …

  4. ilaria scrive:

    WOW! ADORO gli insuperabili dolci polacchi ai mirtilli, jagodzianki e parenti… Non ci proverò, mi sembra troppo difficile, ma grazie per averlo fatto voi e bentrovati!! baci, ilaria

  5. Cesca scrive:

    Ahora mismito que comia uno…mmm

  6. Gloria scrive:

    Non c’è modo migliore per iniziare bene la giornata!

  7. kosenrufu mama scrive:

    o mamma!!!
    non ho parole, solo occhi!
    che voglia di provarci.
    se riesco… domani.

  8. Francesca scrive:

    ho avuto la stessa impressione di quando osservo trecce di piante rampicanti mentre bevo un tè in giardino.
    (è come riprodurre un elemento della natura…
    uno spettacolo)

  9. valentina scrive:

    qui non si tratta solo di bontà ma di classe ! ;))

  10. [...] la cucina di calycanthus: treccia alla crema vaniglia e mirtilli Ti piace? [...]

  11. Symposion scrive:

    Seguo da poco il vs blog ma TUTTE le foto sono davvero BELLE! ed anche le ricette ovvio…complimenti!
    Gio
    http://symposionfoodies.blogspot.com/

  12. laura scrive:

    complimenti per la mostra e la rece su food&wine!
    siete fortissimi :)

    laura

  13. rosa scrive:

    una curiosità mi ha colta all’improvviso: ma cucinate sempre insieme? no dico, perché deve essere divertente assai cucinare per il proprio blog e in più farlo in compagnia!

    sulla treccia non mi esprimo. non posso. ho la bocca occupata dalla saliva che sta prorompendo.

  14. maite scrive:

    @rosa: in effetti no, non sempre insieme. Cuciniamo anche separati perché spesso siamo sparpagliati in qua e in là. Io che vivo più ai margini mi sforzo anche di fotografare (le mie sono le immagini siglate mt) marie e il fotografo che abitano più vicini a roma, si invitano a cena reciprocamente: mangiano e fotografano, anzi prima fotografano e poi mangiano.

  15. [...] il post originale | Leggi tutto: treccia alla crema vaniglia e mirtilli Scritto da la mia dolce cucina in Video Ricette [...]

  16. Anoushka scrive:

    :)))
    les tiennes sont superbes!
    Bon WE :)

  17. [...] Anoushka …. treccia alla crema vaniglia e mirtilli « Aggregatore Ricette Cucina on … dettagli Ricette di cucina da Il Ricettario di Biancaoggi il sito si sente. Silenziosa Silezioso. [...]