del “citron confit” e dei suoi usi (e abusi)

La ricetta oggi sarebbe quasi da vergognarsi a postarla, perché i citron confit, ovvero i limoni messi via con il sale e in qualche caso l’olio, sono stati ampliamentissimamente postati, fotografati e descritti un po’ ovunque nella blogosfera, mangereccia e non solo. Ma il fatto è che se non si prova, non ci si crede, e siccome pur avendo un giardino di limoni a disposizione ci sono voluti anni per decidersi a farli, ora che il vaso di Pandora si è chiuso e riaperto è un mondo intero che si è spalancato. Enfasi a parte, è vero che da quando durante le vacanze siciliane abbiamo aperto il vaso di limoni al sale messo via esattamente un anno prima, non si è smesso di farne uso e abuso. Anche perché del limone al sale (come del maiale?) non occorre buttare via niente! Si può usare il limone, scorza, polpa o tutte e due e si può usare il sale, allo stato granuloso o in quello sciropposo che si forma con la lunga macerazione. Il risultato è in ogni caso profumo, da cui sono eliminate tutte le note agre che la fanno da padrone nel frutto fresco.
Sì, ma usare per cosa? Un po’ per tutto davvero, a crudo e a cotto: un esempio recente qui e qui e una cosa bolle in pentola per domani.

La ricetta

Ingredienti
limoni assolutamente biologici (si mangia tutto)
sale marino grosso
qualche aroma, ma anche no

La mia personalissima esperienza e versione prevede:
scegliere limoni freschi, possibilmente appena colti, ben integri e sodi
tagliarli a metà dal lato della punta senza arrivare a separare le due metà dal lato del picciolo, quindi girare il limone e fare lo stesso in modo da dividere i 4/4
irrorare di sale l’interno dei limoni tagliati
sistemare sul fondo di un barattolo con l’imboccatura larga del sale quindi sistemare i limoni coprendoli man mano di sale e premendoli con forza, in cima al barattolo mettere ancora sale, premere e tappare bene.
dopo qualche giorno il sale si sarà almeno in parte sciolto, aprire il barattolo e rimboccare nuovamente con altro sale in modo che restino ben fermi
conservare in dispensa per almeno qualche mese.

maite

26 Commenti a “del “citron confit” e dei suoi usi (e abusi)”

  1. comidademama scrive:

    Macchè vergogna e vergogna. I citrons confit sono una bontà vera. E con i limoni freschi che hai tu a disposizione sono ancora più buoni.

  2. Alex scrive:

    In questo periodo di dieta devo buttarmi sulle conserve. E i citrons confit li voglio fare da quando ho aperto il blog e ho iniziato a vederli in giro. Poi alla fine non li faccio mai. Mi stuzzica molto fare i lime confit. Sarà la volta buona?

  3. Rosanna scrive:

    Siii, completamente d’accordo, non ci si crede a quella magia del profumo in barattolo, e poi aprendolo si spalanca un mondo! e creano dipendenza. Anch’io mi sono decisa a farli solo lo scorso gennaio, con i limoni raccolti nel giardinetto di casa in Puglia, con cui avevo usato solo il limoncello.
    Bravissimi per il libro!!! evviva!

  4. daniela scrive:

    Mi tocca aspettare fino a quando non mi manderanno il cargo di limoni da Ragusa, ma, come Alex, li voglio provare fin da quando li ho visti in Marocco. Interessanti anche i lime!!

  5. Miss Wubi scrive:

    Ciao a tutti,
    ricetta semplice, raffinata, surreale.
    Mi piace. E complimenti per il fantastico blog.

  6. Micaela scrive:

    E finalmente l’avete postato!!!!!!!
    Noi stiamo maturando certa dipendenza da Citron Confit … cioé, se pensiamo di dovere “limonare” (che sta per rendere “limonoso” … non altro :-)) qualche pietanza non possiamo fare a meno di pensare alla vostra proposta del Confit.
    Grazie del post, stamattina stesso “insaliamo” i limoni del giardino!!!! Ahimé … dovremo attendere un anno (appena!!??) per provarlo sul lesso …

  7. luca scrive:

    E io che nemmeno li conoscevo… che pollo (al limone)!

  8. [...] la cucina di calycanthus: del “citron confit” e dei suoi usi (e abusi) Ti piace? [...]

  9. Sara scrive:

    Nonostante l’ampia disponibilità di limoni (che a volte, causa mancanza di tempo anche solo per raccogliere, arrivo a far seccare sulle piante) non ho mai provato. Siete una fonte inesauribile.
    sara

  10. ilaria scrive:

    scappo – alla ricerca di un chilo di limoni biologici, subito!

  11. maite scrive:

    ohhhh, certo che date soddisfazione!

  12. twostella scrive:

    Anche io mi propongo e ripropongo di replicare la ricetta, ma quando ho l’ispirazione … manca la materia prima ovvero bei limoni non trattati …
    Questa volta mi lascerò rapire?

  13. lydia scrive:

    Io non li ha mai fatti perchè avrei paura a non sapere cosa farne, quindi sono curiosa di sapere cosa bolle in pentola

  14. Sara scrive:

    buoni buoni buoni buoni buoni!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  15. francesco da novara scrive:

    “si, ma usare per cosa?” .. e anche se non servissero a niente, quante bellezza e quanto profumo, quanta attesa in un barattolo appena aperto dopo mesi?

  16. tiziana f. scrive:

    Vi ho conosciuto da poco, appena una settimana, ma è stato un autentico colpo di fulmine: il sito di cucina, e non solo, che desideravo. Favoloso! Mi ha incuriosito la ricetta del limone confit ma se potessi capire qualcosa in più sull’utilizzo non mi dispiacerebbe …

  17. [...] ponte alle grazie « del “citron confit” e dei suoi usi (e abusi) [...]

  18. Stefano scrive:

    oh ecco. Finalmente lo avete postato, cominciavo a perdere le speranze.

  19. [...] tutto | Leggi tutto: del “citron confit” e dei suoi usi (e abusi) Scritto da la mia dolce cucina in Gastronomia [...]

  20. [...] del “citron confit” e dei suoi usi (e abusi) | la cucina di … [...]

  21. [...] di quella “ossessione” stagionale per il limone sotto sale (altrimenti ribattezzato citron confit) che, bisogna dirlo, fa leccare i baffi a chi deve smaltire i suoi esperimenti! Qui il limone, [...]

  22. [...] di quella “ossessione” stagionale per il limone sotto sale (altrimenti ribattezzato citron confit) che, bisogna dirlo, fa leccare i baffi a chi deve smaltire i suoi esperimenti! Qui il limone, [...]

  23. [...] Questa volta poi l’abbiamo declinata sperimentale partendo dall’equazione con i limoni confittati al sale di cui abbiamo smesso di decantare le lodi poco tempo fa. Che sia un nuovo [...]

  24. [...] Questa volta poi l’abbiamo declinata sperimentale partendo dall’equazione con i limoni confittati al sale di cui abbiamo smesso di decantare le lodi poco tempo fa. Che sia un nuovo [...]

  25. Alberta scrive:

    Fatto. Così ho sfoltito i miei limoni lumbard. Peccato dover attendere per il risultato. Nell’attesa sbircio altre ricettine. Baci baci