madeleines ricotta e mandorle

Le madeleines, nella cucina di calycanthus, sono roba di Marie, non solo per discendenza nazionale ma perché le vengono proprio bene e da sempre. Se poi si aggiunge il fatto che in fatto di dolci Marie non è affatto facile (e le madeleines sono appunto una delle poche cose che addirittura mangia oltre che cucinare) ce ne è abbastanza per assimilare questi dolcetti morbidi alla sua chioma rossa, oltre e più che ai baffi di Proust.
Queste qui sopra, impastate con ricotta e mandorle, vengono fresche fresche da un libretto di stagione (di Lucia Pantaleoni, Guido Tommasi editore) tutto dedicato alle madeleines (appunto!), tutte più o meno con la pancia (il segreto pare stia nello shock termico) e tutte con il dorso di conchiglia (secondo una delle leggende proprio quella di Saint Jaques in dotazione ai pellegrini nella via verso Santiago).
Le giornate, del resto, sono quelle giuste, nel punto esatto del cammino  della stagione in cui si comincia ad avere voglia di preparare dolcetti da inzuppare in una buona tazza di tè caldo o, perché no, anche in una bella cioccolata.

Ingredienti

3 uova
150 g di burro fuso
150 g di farina
150 g di zucchero
1 cucchiaino di lievito in polvere
5 cucchiai di latte
120 g di ricotta
40 g di polvere di mandorle
1 limone

Grattugiare la scorza di limone e tenere da parte. Lavorare la ricotta con il latte. Passare al setaccio la farina con il lievito. Sbattere le uova e lo zucchero facendoli diventare una crema spumosa, aggiungere mano a mano tutti gli ingredienti fino ad ottenere un impasto omogeneo. Lasciar riposare almeno un’ora in frigorifero. Cuocerli negli appositi stampi, precedentemente imburrati (se non sono di silicone) con il forno preriscaldato a 270° per i primi 4 minuti e poi a 210° per altri 4/6 minuti finché non risulteranno dorate.

marie

20 Commenti a “madeleines ricotta e mandorle”

  1. graziella scrive:

    Auguri di buon onomastico a maite e buon fine settimana trentino. Qui vi aspetta un pacchettino di foglie da tè della dolceria etnea Salemi . Chissà se Micaela potrà assaggiarne qualcuno, non la conosco ma vedo che è una vostra fan. A presto, baci nonna, zii,cugina!

  2. [...] la cucina di calycanthus: madeleines ricotta e mandorle Ti piace? [...]

  3. nina scrive:

    viva viva tutte queste conchiglie del tempo andato e che sarà :)!
    baci a voi!
    ninetta

  4. Ila scrive:

    Che conchiglie delicate, devono essere buonissime…Evviva le madeleines della Marie e pure la sua chioma rossa!
    Un abbraccio

  5. maite scrive:

    oh mannaggia è vero. Oggi è la mia festa, insomma quella del nome, anzi di una parte del mio nome, ma insomma ogni scusa è buona per festeggiare.
    grazie zia…

  6. Beh, mi fa proprio piacere che tu abbia provato una ricetta del mio libro: qui in Francia è piaciuto tantissimo, vediamo in Italia! :-)

  7. maite scrive:

    ma che bello Lucia_radicchioparigino! complimenti tanti e incrociamo le dita anche per l’Italia..

  8. angela scrive:

    le madeleines sono fantastiche e buonissime….appena la mia picoola Sofia me lo permettera’ provero’ a farle!Mi associo alla zia Graziella e ti faccio un mondo di auguri di buon onomastico cara maite, insieme a Sofia,Elena e Ludovica. baci angela

  9. valentina scrive:

    QUESTA VOLEVO !
    Sì!

  10. marie scrive:

    @Ilaria, un bacio alla dolce ilaria e speriamo di vederti presto a Roma.

    @lucia, radicchio di paris… anche io concordo con Maite, in bocca al lupo per l’Italia. Un abbraccio e speriamo di incontrarci a Paris. :)

  11. Reb scrive:

    Oggi qui è tutto nuvolo e nebbioso, una madeleine la prendo più che volentieri (fosse anche solo per simpatia panciuta)

  12. @maité grazie anche io incrocio le dita: tutte quelle che possiedo ! :-D
    @marie: molto volentieri, perché no? :-)

  13. [...] l’originale qui | Leggi tutto: madeleines ricotta e mandorle Scritto da la mia dolce cucina in Gastronomia [...]

  14. Symposion scrive:

    le madeleines sono favolose! bella foto fa venir fame :)

  15. Francesca scrive:

    una madeleine inzuppata in una tazza di tè…

  16. graziella scrive:

    cari calycanti, sbaglio o la vostra ricetta è tra i vincitori del contest (finalmente ho capito cosa significa)della pasta garofalo; congratulazioni,in bocca al lupo ,spero mi darete le istruzioni per seguirvi via web a torino, quando quale giorno… CI POTRà ESSERE UNA ” CERTA”
    Chiara ‘

  17. Micaela scrive:

    memorie … tante memorie … grazie!!!

  18. Micaela scrive:

    ps: ma sperimentarle in una versione salata è un’eresia???

  19. Ila scrive:

    Micaela, lo sai che ho pensato alla stessa cosa?Ma forse e’ un azzardo. Sentiamo che dice la Marie…

    Ciao

  20. maite scrive:

    ragazze guardate che il librino da cui sono tratte è pieno di versioni salate, se procuriamo le formine conchigliate domani pomeriggio possiamo fare sezione madeleines con la marie collegata via skype