vellutata di topinambur

A casa di Elvira ci hanno fatto il risotto, facendoci scoprire che in inglese si chiamano carciofi di Gerusalemme. Qui tra i monti, in un week end di pioggia a non finire, ne abbiamo fatto tazze fumanti di zuppa, anzi di vellutata. Ma la verità è che ogni volta che abbiamo a che fare con i topinambur nello stretto angolino di uno spicchio di stagione, finisce che ci rammarichiamo di giocarci troppo poco. Il gusto è speciale davvero, e davvero fa pensare ai carciofi; la consistenza poi è a metà tra le rape e le patate, vale a dire radical-mente umidi, ma capaci di scomporsi sfarinando, dunque ideali per la zuppa e pure per il risotto.
La vellutata in questione era semplice davvero, senza fronzoli e senza l’ombra di un food-paring, ma ci è rimasto un dubbio: e se ci mettessimo poca, pochissima liquirizia?


La ricetta

Ingredienti
250 g circa di topinambur
4 patate medie
1 bicchiere di vino bianco (traminer)
1 porro
1/2 bicchiere di panna
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
sale e pepe

Sbucciare i topinambur e le patate e tagliarli a tocchetti piccoli. Tagliare finissimi i porri e rosolarli con l’olio, aggiungere le patate e i topinambur, coprire con il vino, alzare la fiamma per fare evaporare, quindi versare una tazza di acqua (o brodo vegetale) calda e lasciar cuocere finché il composto non è morbido. Mixare, rimettere in pentola, aggiustare di sale e allungare a piacere con acqua o brodo, lasciando cuocere, cinque minuti prima di servire unire la panna e il pepe.

40 Commenti a “vellutata di topinambur”

  1. francesco da novara scrive:

    La stessa classe e quel tocco di novità che vi rende unici!!!

  2. annies scrive:

    La liquirizia ci va a nozze calicanti, già provata l’anno scorso! Così come un pochino di vaniglia o dell’amata fava tonka :)
    Il vostro nuovo vestitino è da applausi!

  3. alexandra scrive:

    …buoni i topinambur…ma in vellutata mai avuto l’onore…mi sembra molto delicata e “coccolosa”. Oggi il sito mi piace ancora di piú!!!

  4. Elvira scrive:

    ho capito, mi rimetto nell’intercity, compro un paio di kg di topinambur, un fascio di porri (anche se non di Cervere saranno certo meglio dei tronchi che trovo qui) e ritorno in cucina :)

  5. maite scrive:

    @francesco: merci. Ma ci conosceremo prima o poi?
    @annies: uh signur, anche la fava tonka?
    @alexandra: molto coccola in effetti, e ne avevamo bisogno, stretti tra la pioggia e il vestito-blog da finire di cucire. A proposito, hai rimandato vero gli spostamenti?
    @elvira: sappi che me li sogno i porri di Cervere e pure la sagra…

  6. marie scrive:

    @annies… Fava tonka? come dice Maite, da provare assolutamente…
    ma sta continuando a piovere… spero di svegliarmi domani mattina con un bel cielo blu.
    Anche io la sagra del porro di cervere…

  7. Alessandra scrive:

    Non sono sicura per quanto riguardi la liquirizia, io andrei per una goccia di salsa tamari, o di ABTM… tutto scuro comunque eh!

    Certo che li avete fotografati proprio bene quei topinambur, solitamente non sono molto fotogenici :-)

    Bravi! E bello tutto il blog.

  8. [...] la cucina di calycanthus: vellutata di topinambur Ti piace? [...]

  9. graziella scrive:

    sono un pò disorientata nel consultare il blog, del resto lo avevo previsto e come comidamema dopo essermi ri-orientata non mi resta che fare i complimenti al fotografo per la “leggerezza” (si può dire..) dell’impaginazione!! è riuscito ad inserire in maniera più compatta molte altre informazioni-funzioni e, se ho capito bene anche le inserzioni pubblicitarie (il lato economico non guasta). Una cosa è certa: dovrò rispolverare l’inglese e l’informatica, molti termini mi sfuggono devo fare un elenco di domande da sottoporvi, magari, via telefono per non apparie troppo analfabeta.
    una curiosità ve la chiedo subito, dove sono finiti i commenti “saltati”.Per adesso vi saluto, non mi sono nemmeno accorta che si è fatto giorno!! ciò dimostra quanto siete avvincenti!! bravi, bravi, sarò di parte!! non credo.
    PS: scusate non riesco a digitare il punto interrogativo forse il tasto è guasto.

  10. Alex scrive:

    Sono appena stata da Elvira e trovo il risotto. Arrivo da voi e trovo la vellutata. E ora chi me li toglie dalla testa i topinambur?

  11. Cricri scrive:

    LaGolosastra è goloserrima di topinambour.
    Ma non li ha mai provati né nel risotto né in vellutata. Prendo nota, DEVO assaggiare!

  12. lucy scrive:

    secondo me ci stava dbenissima poca per dare leggermente più verve ad una crema molto delicata.tra l’altro avete utilizzato i toppinambour che io adoro moltissimo……mmmmm….le mie rotelle girano e mi state dando un bel suggerimento…..mmmmm….quasi quasi…va beh aspettate e vedrete cosa esce.baci

  13. valentina scrive:

    Beh io li ho sperimentati lo scorso anno grazie alla gentilissima ed eccezionale Claud… Un tubero strano dal sapore unico e similare ai carciofi…io li avevo abbinati ai gamberi davvero sfiziosi..
    Da grandi benefici é ottimo e consigliato per le persone che soffrono di diabete e trigliceridi poichè aiuta a ridurlo, ha un effetto lassativo e può essere mangiato da grandi e piccini.. che dire bella la nuova patata…
    di seguito c’è il mio link con la mia ricetta..
    http://lacuocapasticciona.blogspot.com/search/label/topinambur

    Baci a prestissimo

  14. daniela scrive:

    Ma sai che avete ragione: non ci ho mai pensato ma la liquerizia ci starebbe, ci starebbe proprio.
    In Piemonte si mangiano anche crudi, i Gerusalemmi, pucciati nella bagna caoda (che a me fa orrore quindi non so come siano).
    Vi dò un compito, sempre per la serie “verdure invernali”: vi immaginate un piatto secondo il vostro stile con il cardo gobbo? Enorme, fibroso, un pò aspro e amaro ha una sua complessità. Però l’ho provato sempre e soltanto prima scottato e poi gratinato leggermente. Se vi capitasse sotto le grinfie, fatemi sapere.

  15. valentina scrive:

    giusto ieri hanno parlato da geo&geo delle prorpietà benefiche dei topinambur, le quali abbassano lo zucchero nel sangue e il colesterolo cattivo, pertanto sono un alimento adatto per chi soffre di diabete.
    ora, lungi da me, rompere le scatole con le prorpietà del topinambur, però oltre a dire ” miiiiiiii, braveee, che bellooo, complimentiiiii, uaoooooo” ogni tanto saper quello che mangiamo è interessante.

    detto questo, devo cercarli qui a palermo i topinambur, forse in qualche “verduvendolo” raffinato.. ;))

    certo la panna finale sta al colesterolo come il pecorino sui gamberoni, però s’addaprovà..

    io per i prossimi due giorni ho il corso di panificazione di “adriano e paoletta” ( anice&cannella e profumo di lievito ), qualcuno sa dirmi qualcosa? l’ha fatto? ne varrà la pena ??

    ragazze, il vostro sito è la mia pagina preferita, si avvia ogni volta che mi avvio io… ;))

    baci

    valentina

  16. lydia scrive:

    Voi sapete, invece, che nella casa di Lydia i topinambur non sono mai entrati?
    Vado in ginocchio sui ceci e faccio penitenza

  17. Gaia scrive:

    i topinambur….
    anche a casa di Gaia, oltre che di Lydia, non sono mai entrati…
    ma ne sono cosi’ curiosa… quest’anno devo rimediare!

  18. marie scrive:

    ovviamente grazie a tutti per i vostri dolci commenti, ci sentiamo a casa tra amici…

    @alessandra, wow la salsa tamari… ehm…
    @graziella, non preoccuparti, anche io non sono molto brava con l’informatica, ma piano, piano ce la faremo :)
    @lydia e Gaia, immaginate invece che bello… una nuova cosa da provare… evviva.
    @alle valentine. Ne propineremo dunque litri a tutti se ha questi benefici.
    @daniela, i gobbi mi piacciono molto anche crudi in pinzimonio, le coste più piccole, ben pulite provale, sono deliziose.

  19. Reb scrive:

    Hiiii quanto detesto pelare i topinambur, ma quanto son buoni! Provate con una radice di liquirizia in cottura Calynthi, ne rimarrete estasiati! Baci vellutati

  20. Anna scrive:

    Ma che eleganti!!!!!!!!!!!!
    Sempre unici!
    Bacioni!

  21. ah ! ma io non avevo letto la prima valentina..
    avremmo visto la stessa puntata di geo???

    facciamo il topinambur day!

    grazie per le cassatelle..

  22. Credo che il tocco di liquirizia sarebbe indovinatissimo. c’è qualocsa nel topinambour che la “evoca”… bellissima idea!

  23. maite scrive:

    dunque stamattina dal verduraio dove finisco quando non sono passata dal mercato del martedì (e ieri pioveva) una signora chiedeva Topinambur.
    La verduraia non ne aveva, ma specificava (lei che è burbera e normalmente non chiacchiera mai): ma che vi siete messe tutte d’accordo? è la quinta persona che me li chiede oggi!
    e la signora timida: sa, a Geo&Geo hanno detto che fanno tanto bene…

    PS ma nessuno si è accorto che questi topi-nambur hanno la codina di topi-ni? il fotografo ci resterà male…

  24. Francesca scrive:

    complimenti per il nuovo vestito, mi piace molto!

  25. ilfotografo scrive:

    èvvero, per fortuna Reb la sa lunga, però non vale suggerire eh!
    @francesca e tutti! siamo contentissimi che i lavori di sartoria vi siano piaciuti.
    io intanto continuo con i piccoli rammendi

  26. twostella scrive:

    … soffro, vedendo come topinambur e porri di cervere scarseggiano … quasi quasi organizzo un giro di consegne per la penisola :-)

  27. Pat scrive:

    Che buona! Questa vellutata mi ispira moltissimo… adoro i topinambur, anche se candidamente ammetto di non averli mai cucinati :)
    e poi, la liquirizia: l’ho appena usata in uno spezzatino!! mitici.
    Ciao Pat

  28. [...] entusiastiche e seguire quel chicco lanciato da Ciboulette, agganciarmi alla co(r)dina dei Calycanthi e consolarmi anche pensando che non solo son deliziosamente carciofosi, ma anche light e persin [...]

  29. Una velluata squisitata. La vorrei propore come letto per una ricetta di pesce

    Rotolo di spatatolo con riso basmati.

    Domanda: sto cercando un effetto cromatico con un verde più intenso.

    Qualcuno mi può suggerire come far risultare più verde la vellutata?

  30. GiorgiaMandacarù scrive:

    ciao carissimi…. la mia cena con voi è una bontà!!! devo dire che ho tralasciato la panna, ma la prossima volta sicuro la proverò come variante…. E’ deciso: AMO I TOPINAMBUR. un abbraccio!!

  31. eDOARDO scrive:

    Domani mi regaleranno una busta di topinambur appena tagliati!
    Il piatto sembra ottimo ma… che si può fare per evitare la panna? Latte di cocco?
    Curry verde? E’ che forse così ne sopraffaccio la delicatezza…
    Scusate la bestemmia!

    • maite scrive:

      Caro Edoardo, sai che io alla fine semplicemente eliminerei la panna senza sostituire? sono d’accordo con te: latte di cocco e curry mi sembran troppo per tanta ruvida delicatezza!