branzini ubriachi

Dovendo schierarci dichiariamo apertamente di appartenere alla schiera di quelli che:
al pesce meno-si fa-meglio-si fa!
A questi due branzini, per esempio, non gli abbiamo fatto nulla, ma proprio nulla… o quasi…
Li abbiamo solo profumati, di timo, e “bagnati”, di Martini… abbiamo aggiunto l’aglio, il limone e l’olio extravergine d’oliva, un po’ di sale, un po’ di pepe e basta… tutto qui.

Ingredienti
branzini freschissimi
aglio (rosa preferibilmente)
timo fresco
limone biologico (possibilmente a buccia verde)
Martini bianco
sale e pepe

Comprare due (o più) branzini freschissimi (di quelli da guardare negli occhi…. Sere), farseli eviscerare e pulire (ovviamente mantenere la testa!), quindi arrivati a casa lavarli, asciugarli con lo scottex, ammirarli e farcirli nella pancia con qualche fetta di limone, qualche rametto di timo fresco (il nostro era, manco a dirlo, della signora Fausta), aglio triatto, sale e pepe.
In una pirofila da forno versare 4 cucchiai di olio extravergine d’oliva, adagiarvi i branzini, aggiungere ancora il succo di mezzo limone e un bicchiere di Martini bianco.
Cuocere in forno prescaldato a 180°: i primi 20 minuti coperti con della stagnola, gli ultimi 10 scoperti.  

maite

9 Commenti a “branzini ubriachi”

  1. Ady scrive:

    Il Martini?
    Mi sembra di immaginarlo il sapore del branzino aromatizzato al Martini, qui da voi si fanno sempre esperienze sensoriali nuove, grazie!
    Qui da noi l’aglio è solo rosso, c’è Sulmona vicino! Buona giornata cari!

  2. Alex scrive:

    Meravigliosa la foto. Stasera faccio fare la stessa fine ad un’orata! Io l’aglio rosa me lo portavo su da Roma, ora ho trovato quello alsaziano che è fantastico
    Buon WE

  3. cobrizo scrive:

    sono perfettamente d’accordo con voi. anch’io ieri sera ho messo al forno un rombo “nudo e crudo” ;-) e poi condito a parte sul piatto con una salsina di funghi chiodini e prezzemolo

  4. manu e silvia scrive:

    Il pesce a casa nostra si mangia almeno una volta a settimana! Questa ricetta del branzino potrebbe decisamente tornarci utile!!
    baci

  5. Daniela scrive:

    i branzini mi piacciono… i martini un pò meno…ma nulla toglie ke insieme fanno un’accoppiata stupenda. Ho scoperto da poco il vostro sito e devo dire ke siete a dir poco fantastici complimenti veramente

  6. MICHELA scrive:

    Buoni..meno si maneggiano più buoni sono.
    ciao

  7. Acilia scrive:

    Concordo assolutamente: il pesce più buono è quello che preserva il gusto più naturale. A me piace con solo sale e poco olio.
    I branzini sono ottimi e apprezzo l’eccezione del timo fresco che adoro oltre misura :-)

  8. miki scrive:

    con cosa posso sostituire il timo? origano? prezzemolo?o…aspetto consigli di tutti

  9. Maite scrive:

    Cara Miki,
    personalmente il prezzemolo cotto lo evito anche e soprattutto con il pesce, ma è un po’ questione di gusti… voterei piuttosto origano, ma pochino che è un odore piuttosto pronunciato