crumble di pere e marmellata di arance

Coraggio, che è di nuovo lunedì.

La stagione però è mezza e mezza, è iniziata quella terra di nessuno, fatta a tempo atmosferico, in cui fa caldo ma pure freddo, in cui c’è il sole e pure piove, le mimose sono esplose ma minaccia temporale. Vestirsi diventa un esercizio difficile e destinato a frustrazione, è tutto sempre troppo oppure troppo poco, per non dire della noiosa sensazione di mettere sempre gli stessi panni stufi del grigiore dell’inverno e troppo lontani dallo strato sottile di una primavera del cuore.
Anche in cucina va un po’ così, sbocciano le prime verdure nuove: finiscono i broccoletti e arrivano i carciofi, al mercato sabato si avvista persino il verde tenerino delle primissime fave, ma la verità è che tornando dal parco a sole già calato (ah sì, finalmente hanno riaperto Villa Pamphili chiusa per crolli da troppa neve…) un crumble caldino ci vuole tutto e pure un pezzettino.


Per il gelato ci sarà tempo

La ricetta

Il crumble è dolce semplicissimo ma, come ci ha mandati a dire una fanciulla “parigina”, decisamente sottovalutato. Questa versione un po’ più dolce del consueto aggiunge alla frutta, in questo caso pere, un po’ di marmellata (di arance) ne guadagna il sapore ma soprattutto il profumo.

Ingredienti in proporzione
per il crumble:
la stessa parte di burro e zucchero
per
2 parti di farina e 1 pizzico di sale

per la composta di frutta:
1 cucchiaino di marmellata di arance per ogni pera
facoltativo: qualche granellino di pepe di Sichuan

Tagliare a fette regolari le pere e raccoglierle in un pentolino con la marmellata, scaldare il tutto mescolando finché la frutta non è morbida. Quindi trasferire in una pirofila grande o nelle cocottine che preferite, ricorpire con la granella (ottenuta lavorando grossolanamente farina, zucchero e burro a pezzi) cospargere con poco pepe di Sichuan pestato e infornare a 180° per circa 15 minuti, o meglio finché non sarà ben dorato. Mangiare caldo di ritorno al parco.

13 Commenti a “crumble di pere e marmellata di arance”

  1. fantastico!! adoro questo connubio!!
    un caro saluto
    elisa

  2. la crumble di un solo gusto non mi è mai piaciuta, ma bigusto invece si! sopratutto se uno di quei gusti è un po’ più acido e l’altro è più dolce… così è proprio perfetta!

  3. Sele scrive:

    Servito a la mode con gelato all’arancia?

  4. Ros scrive:

    ieri sera ho proprio pensato ad un crumble, mi era venuta voglia! prenderò in “prestito” questa ricetta particolare :-) buona giornata Ros

  5. sara scrive:

    magnifico crumble!

  6. Clara scrive:

    Bravissimi.
    Che bello appena arrivo a casa lo faccio ma con la marmellata di mele e uva come sara?
    Ho comperato tante arance non trattate per fare la marmellata oltre che per gustarle al naturale.
    Una ricetta per la marmellata di arance l’avete?
    Non ne trovo una che mi gusti.
    GRAZIE

    • maite scrive:

      ehm in effetti mi sa che manca e sarebbe invece ora (visto i due alberi iper-produttivi che vivono molto biologicamente nel giardino siciliano), quella inquadrata era un buonissimo regalo fait-maison. In ogni modo forse puoi ispirarti a quella di mandarini e adattare la ricetta che impiega anche le bucce e che fa un profumo incredibile, trovi la ricetta qui: http://lacucinadicalycanthus.net/?p=895
      invece quella mele e uva come sarebbe?

  7. maite scrive:

    @elisa: a te!
    @Monica: caspita mi fai venire un dubbio: sarà la o il crumble?? in ogni modo pure io sono per duegustimegliodiuno.
    @Sele: sempre à la mode!
    @Ros: grande.
    @sara: peccato che è finito…

  8. gu scrive:

    voi mi volete male. ecco.

  9. jacopo scrive:

    Spettacolo !!!!

  10. andrea scrive:

    Bella ricetta, ma se mettessi qualche scaglia di cioccolato fondente per ingolosirlo ancor di più? :)

  11. Valentina scrive:

    Veramente interessante l’idea di usare anche la marmellata!