apricot’s pride

Lo dico subito: questa volta la foto non rende.
Non rende perché queste 9 albicocche sono le prime nove delle sedici che l’alberello in giardino, poco più di un metro di foglioline verdi, ha prodotto. E sono bellissime. Ne sono/siamo fierissimi.

Ricetta proprio non ce n’è. Perché sono troppo poche certo e pure perché le stiamo mangiando una ad una, una per uno, come reliquie. Ci è voluto un anno, pioggia, vento, pure neve, poi fiori e foglie, poi frutti minuscoli e verdi e infine lentamente l’arancio che matura.

9 Commenti a “apricot’s pride”

  1. marie scrive:

    si, sono le vere albicocche… quelle buone che non si trovano mai.
    Evviva.

  2. maia scrive:

    si, sono meravigliose con le loro lentiggini!!

  3. maite scrive:

    poi, perché per tutto c’è un contrappasso, la pianta di lampone rigogliosa da due anni e fino all’altra mattina, si sta inspiegabilmente seccando .(

  4. elisa scrive:

    secondo me è invidiosa di tutte queste attezioni alle albicocche!

  5. Elvira scrive:

    concordo con MArie, le vere albicocche, non si trovano mai! Io ho anche rinunciato a comprarle. Quelle che ha comprato il marito mi hanno confermato che è meglio lasciarle lì dove sono :-(

    Evviva evviva per il vostro alberello :)

  6. angelo scrive:

    dovreste metterci il bollino sopra, con il vostro logo. a.

  7. gu scrive:

    sono contento per voi. e anche invidioso. ecco.