dolcetti al melograno

Per finire questa settimana dedicata a questo bellissimo frutto ci voleva anche qualche cosa di dolce e ci è venuto in mente di riarrangiare una nostra ricetta di quelle di base per provare a farne dei bottoncini con i chicchi ed il succo del melograno. Forse è più semplice mettere solo i chicchi perché il succo non si emulsiona molto bene con gli ingredienti anche se certo dà sapore, ma vedete un po’ voi. In questi giorni di freddo improvviso, si possono accompagnare al tè delle cinque, preferibilmente un buon tè nero profumato, pensiamo in particolare al Thé des amants o al Blue of London entrambi del Palais des Thés a cui siamo molto affezionati, ma forse qui ci vorrebbe la consulenza speciale di Acilia che di tè si intende come nessuna.
Questo post è anche il nostro contributo imperfetto (non abbiamo rispettato tutte le regole!) e molto di corsa alla raccolta di twostella… perché eravamo partiti che volevamo fare un sacco di cose (muffins, scones, dolce, salato, magari anche un cheese cake, o i blinis…), poi alla fine ci mancava sempre il tempo, ma un salutino, almeno quello, volevamo farlo sperando di essere “perdonati” anche grazie alla fine della nostra storia delle tre melograne che si ascolta bene con il tè delle cinque.

Ricetta

Ingredienti

115 gr burro
115 gr zucchero
115 gr di farina
2 uova
un po’ di lievito (1 cucchiaino circa)

Mescolare il burro a temperatura ambiente con lo zucchero, le due uova e poi la farina ed il lievito. A questo punto si puo aggiungere il succo ed i chicchi oppure solo i chicchi. Si mettono a cuocere per un quarto d’ora in forno ben caldo. Si conservano qualche giorno in una scatola di latta.

ed ecco ci alla fine della fiaba dell’Amore delle tre melograne che lo diciamo subito finisce pure bene, ma non per tutti…

(…) la vecchia la mattina dopo fece finta di chiudere la casa, e invece si nascose dietro la porta. La ragazza uscì dalla melagrana, e cominciò a fare le pulizie e da cucina. La vecchia rincasò w la ragazza non fece in tempo a rientrare nella melagrana.
- Da dove vieni? – le chiede la vecchia.
E lei: -Sii benedetta nonnina, non m’ammazzare, non m’ammazzare.
- Non t’ammazzo, ma voglio sapere da dove vieni.
- Io sto dentro la melagrana…- e le raccontò la sua storia.
la vecchia la vestì da contadina come era vestita anche lei (perché la ragazza era sempre nuda come mamma l’ha fatta) e la domenica la portò alla Messa con sè. Anche il figlio del Re era alla Messa e la vide. “O Gesù! Quella mi pare la giovane che trovai alla fontana!”, e il figlio del Re appostò la vecchia per strada.
- Dimmi da dove è venuta quella giovane!
- Non m’uccidere! – piagnucolò la vecchia.
- Non avere paura. Voglio solo sapere da dove viene.
- Viene dalla melagrana che voi mi deste.
- Anche lei in una melagrana! – esclamò il figlio del Re, e chiese alla giovane: – Come mai eravate dentra una melagrana?- e lei gli raccontò tutto.
Lui tornò a Palazzo insieme alla ragazza, e le fece raccontare di nuovo tutto davanti alla Brutta Saracina. -Hai sentito? – disse il figlio del Re alla brutta saracina. quando la ragazza ebbe finito il suo racconto. – Non voglio essere io a condannarti a morte. Condannati da te stessa.
E la Brutta saracina, vsito che non c’era più scampo, disse: -Fammi fare una camicia di pece e bruciami in mezzo alla piazza.
Così fu fatto. E il figlio del Re sposò la giovane.

marie

20 Commenti a “dolcetti al melograno”

  1. Siete un portento: tè, pasticcini con i riflessi delle pietre preziose, il tutto condito dalle fiabe!!! Vi ringrazio e vi aggiungo al più presto alla lista degli ospiti :-) Buon fine setimana

  2. Lory scrive:

    Ragazzi miei poesia pura e semplice poesia!
    Buon we !

  3. marie scrive:

    grazie mie care, ci fate arrossire… buon we.

  4. manu e silvia scrive:

    Davvero particolari questi dolcetti…il melograno lo mangiamo poco…perchè è un frutto difficile, però dentro un dolce non dev’essere niente male!!
    bacioni

  5. Ady scrive:

    E dulcis in fundo…
    carinissimi i dolcetti, devo dire di non aver mai fatto un dolce con il melograno, ma il suo sapore mi piace molto!
    P.s. voi come fate a far uscire fuori tutti i chicchi???
    Io lo taglio a metà e lo prendo letteralmente a cucchiaiate ahahah, lo batto con un cucchiaio di legno raccogliendo i chicchi in una ciotola…
    Buona giornata e buon we

  6. caly scrive:

    mi sa che noi invece, cara Ady, li prendiamo più con le buone e con santa pazienza ma in effetti dovremmo provare il tuo metodo che ha tutta l’aria di essere convincente…

  7. Mademoiselle Manuchka scrive:

    “i dolcetti al melograno”, con un thé, vicino al caminetto acceso..
    ecco cosa mi mancava per poter affermare che va davvero, tutto bene.
    un bacio un pò infreddolito..

  8. Mademoiselle Manuchka scrive:

    ah, e dimenticavo, qualcuno che mi legge la fiaba..
    :-)

  9. MICHELA scrive:

    Molto carini..mi intriga tanto anche la mousse qui sotto.

  10. Acilia scrive:

    Che bella sorpresa leggervi e trovare questo piccolo omaggio, vi ringrazio di cuore.
    Questi bottoncini sono raffinati e, sono certa, molto buoni. Anche un tè bianco naturale, o un tè verde al gelsomino credo sarebbero adatti ad accompagnarli. In alternativa, un tè verde/nero aromatizzato ai frutti rossi, o alle mandorle e cocco, o fiori d’arancio e calendula.
    Ho seguito con interesse la vostra rassegna di ricette a base di melograno e le ho annotate tutte.
    Vi faccio i complimenti più sentiti e intanto aspettiamo insieme i risultati del Tea Award di Twostella :-)

  11. Alex scrive:

    È stato un piacere leggere i post di questa vostra settimana dedicata ad un frutto che mi affascina. Complimenti.

    Maite, una mia lettrice mi ha scritto dove si trova il lemongrass fresco a Roma. Ti copio gli indirizzi:
    a Roma il lemon grass fresco:

    Campo dei fiori, il primo banco a destra venendo dai Baullari;

    a Trastevere, frutteria Er Cimotto, via di Santa Dorotea.
    Una blogger di Firenze invece lo cerca disperatamente. Tu dove lo trovavi?

  12. marie scrive:

    a Roma si trova anche a Ponte Milvio. Buon we a tutti

  13. maite scrive:

    grazie Alex!
    a Firenze lo trovo in un negozietto di prodotti etnici piuttosto ben fornito che si trova in via del giglio, una traversa di via Panzani, proprio vicino alla stazione di santa Maria Novella e dietro il mercato di san Lorenzo. Non mi ricordo esattamente come si chiama ma ha un’insegna bianca e blu e dentro è fatto un po’ come un piccolo supermercato.
    Cmq se avesse bisogno di indicazioni più precise penso di passarci la prossima settimana, ancora grazie

  14. cobrizo scrive:

    uffi, ma perchè io devo accontentarmi della scorta che mi sono fatta di quello secco? tutta un’altra roba rispetto al fresco!
    le melagrane, almeno quelle, sì, le trovo…
    ;-)

  15. artemisia scrive:

    to’ guarda, sono la lettrice di Alex che dava indicazioni sul lemon grass a Roma; allora aggiungo anche il mercato Esquilino, dove si trova di tutto e di più.

    capito qui sulle tracce di twostella, mi pare ci sia una bella aria, ero attratta da questi dolcetti cotti in un ditale che ultilizzano un frutto così suggestivo.

  16. maite scrive:

    cara Artemisia sì, in effetti ci siamo stati in visita questo sabato ed è una meraviglia! abbiamo comprato una serie di verdure stranissime e ora si tratterá di capire come regolarsi… a proposito abbiamo visto sulle tue pagine una bellissima zuppa cambogiana, non è che hai suggerimenti anche per i fagioli-corallo del Bangladesh?

  17. artemisia scrive:

    ai fagioli corallo non ci sono ancora arrivata, ho una ricetta per quelli neri e prossimamente sono previste lenticchie rosse e ampaloya (una verdura bellissima e amara), insomma ho un mucchio di legumi e strane verdure in fila di attesa :)))

    a presto, artemisia

  18. Jusy scrive:

    sono interessata ai dolcetti alla melagrana ma vorrei sapere maggiori dettagli: le uova vanno intere o solo i tuorli? quanti gr di chicchi di melagrana servono? e in forno a quanti gradi e per quanto tempo? Se è ancora posibile vere risposta ve ne sarei grata! a presto! Grazie.

    • maite scrive:

      ciao Jusy, le uova intere, per i chicchi regolati un po’ ad occhio a seconda degli stampini che usi ma direi circa un cucchiaino a dolcetto. Per il forno tra 160 e 180°C, anche qui a seconda della grandezza dei tuoi dolcetti e del forno tra 20 minuti e mezz’ora.

  19. sono letteralmente invasa dai melograni…ne ho una quantità spaventosa…proverò questi dolcetti, grazie!
    elisa