di tutti i colori o quasi

Non sono bellissime?

A noi prima di finire in forno, in pentola e pure grattugiate ci hanno commosso.

10 Commenti a “di tutti i colori o quasi”

  1. Commosso? ..certamente l’anaffettività non è un vostro problema! :)
    Fosse vivo Gian Battista Ruoppolo vi bacerebbe in fronte… :) e le vostre rape (vive) fanno decisamente più gola delle sue nature morte :)

  2. evviva le donnicciole allora …io piango all’ultima scena di “L’amore è una cosa meravigliosa”, hai presente quando lei si aggira sulla collina, con l’aria di chi ha fumato qualcosa di poco lecito… ebbene si, mi fa traboccare il cuore! nonostante l’abbia visto almeno venti volte! Questa si che è emotività fragile! :) la tua è forse una sindrome di Stendhal, una scombussolante contemplazione della Bellezza dele rape! :)

    • maite scrive:

      adoro! La sindrome di Stendhal delle rape…
      PS cmq guarda che piangere per il finale de L’amore è una cosa meravigliosa è robetta da niente, io ho pianto per una puntata di cucine da incubo… non so se mi spiego.

  3. Non c’è limite all’aberrazione. Hai vinto tu. Credo non ci sia nulla di meno commovente di Cucine da incubo.. forse solo “Come è fatto”! :)

  4. tempo fa vi avevo invidiate moltissimo per le pastinaca trovate a ponte Milvio, ma stavolta non mi fregate.. care le mie calicante…
    carote viola anche a casa mia (e dei topinambur meravigliosamente grandi e pochissimo bitorzoluti), per di più al supermercato dietro casa.
    tiè..
    ci vuole poco per essere felici!

  5. Valeria scrive:

    Che meraviglia! E che fine hanno fatto precisamente?
    Non sarò di certo la prima a dirlo ma il vostro sito è meraviglioso. Vi seguo da tempo e siete di grande ispirazione!