attaccati al tram(‘Ino)

Sabato pomeriggio a Milano abbiamo viaggiato in tram. Viaggio lungo, lunghissimo e soprattutto unico (al limite del-senza-parole!) su un tram di legno che è stato una festa!
Festeggiavamo e presentavamo il Pan’Ino, libro apostrofato dedicato ai panini di Alessandro Frassica (ovvero ‘Ino) e alle tante, tante persone che li mangiano e li amano. Libro di panini e di facce, caldo e caloroso è stato detto, che nel tram si è trovato a meraviglia!
Abbiamo attraversato il centro di Milano in lungo e in largo, abbiamo avuto fermate, panini, avventure (compresa una marcia-indietro da brivido) e poi ritratti, parole, molte foto, sorrisi, foglie in regalo e persino qualche raggio di sole.
Siamo partiti con la luce e tornati con il buio, dal deposito pieno di fascino allo skyline del Duomo lungo rotaie, scambi ed emozioni, ancora in parte da digerire…

qui sotto le foto della giornata, tra partenza-allestimento e rientro.
Poi appena riusciamo a prendere una decisione difficile la galleria dei ritratti dei mangiatori sul tram, con la foto vincitrice.

Intanto grazie, grazie di cuore a tutti: a Guido, Alessandra, Anita, Laura, Carla, Gianni. Grazie a Gianluca. Grazie a Hiroko. Grazie a Marco. Grazie a chi è passato a fare un saluto, grazie a chi è salito per un giro, grazie per le tante domande, grazie per chi ci ha rincorsi per mezza Milano! e grazie a chi ha guidato per noi questa corsa speciale.

24 Commenti a “attaccati al tram(‘Ino)”

  1. lorenza scrive:

    Strepitosa l’idea del tram goloso e belle le foto….corro a ordinare il libro.E a cercare qualcosa in dipensa……la copertina mette un certo appetito!

  2. sara scrive:

    complimenti! Deve essere stato davvero un bel giro in tram! Peccato non poter essere lì con voi.

  3. Reb scrive:

    Ma un cappuccetto meraviglioso.
    Cari, cari che siete, pensò la scrivente con gli occhi pieni di meraviglia ed un pensiero confortante, ma allora si può!

  4. lydia scrive:

    Non mi sono attaccata al tram ma vi ho pensato. Vi verrò a sostenere a Roma il 30, se mi vorrete.
    Baci sparsi

  5. lydia scrive:

    P.S.
    Qualcuno ha contato quanti panini ha mangiato quel ragazzotto barbuto con un microfono in mano?

  6. comidademama scrive:

    Sono felice di essermi attaccata anch’io al tram.

    Mi piace molto la foto di Alberto quando guarda fuori.
    A presto!

  7. Peccatissimo non esserci stato … avete tutta la mia ammirazione

  8. roberta cobrizo scrive:

    Un tram che si chiama Desiderio… (il mio, per il dispiacere di non esserci stata)
    bravi bravi bravi!

  9. marcella scrive:

    Bello, bello, bellissimo!
    Lo rifarete?
    Marcella U.

  10. Luca scrive:

    Come si legge sulla cassetta di legno: (molto) fico.
    E poi così si rovescia lo stereotipo comune, visto che a Roma sui tram si suona e a Milano… si mangia!
    L.

    • maite scrive:

      Milano mangia e Roma suona! Imbocca al lupo ai Tetes de bois per il concerto del 20 all’auditorium!!

  11. Elvira scrive:

    Finalmente ho capito questa cosa del tram’ino, che non avevo avuto il tempo di approfondire! Che dire, siete mitici.

    E ditemi un po’ qesta cosa di Roma???

    • maite scrive:

      grazie Elvira grazie.
      Il 23 replichiamo (senza tram!!) ad Eataly e il 30 presentiamo invece il libro di Roma e del Lazio alla libreria del Palazzo delle esposizioni. Dettagli presto su questi schermi..

  12. [...] Tutto merito di Zonzolando: per il World Bread day ha postato i suoi Laugenbrot homemade, che ha fatto usando il lievito di birra. Li ho provati seguendo alla lettera la ricetta e sono venuti fe-no-me-na-li. Su Labna.it qualche giorno fa c’erano quelli della mamma di Jasmine. (Ne approfitto per ricambiare i saluti arrivati sabato scorso sul tram’Ino.) [...]

  13. monica silva scrive:

    bellissimo! inboccalupo Ino :-)