moscardini soffocati in pentola a pressione di anna e di cochi

La ricetta di oggi è un regalo della nostra amica Anna (e tocca ancora notare, come abbiamo già fatto, che le Anne in cucina abbondano davvero…) che a sua volta l’ha imparata da un amico… ma Anna non solo ce l’ha rivelata, ma ce l’ha pure cucinata e scritta, e a noi per una volta non è rimasto che mangiarcela mentre il fotografo indugiava e indugiava e indugiava sul mestolino di legno, così che alla fine indovinate quanti moscardini gli sono rimasti?

“Questo semplice piatto è una rivisitazione rapida e urbana di una ricetta di Cochi, un caro e vecchio amico che si è ormai da anni ritirato a vita marinara nel paese di Stintino (Ss) e che avrebbe sempre voluto scrivere un libro intitolato “Il polpo minuto per minuto”, affascinato dalla varietà di modi in cui è possibile cucinare (e poi mangiare!) il simpaticissimo animale. La sua passione è condivisa dalla mia famiglia e i moscardini soffocati in pentola a pressione potrebbero rappresentare un piccolo capitolo di quel libro mai scritto”.

Ricetta

Ingredienti per 4 persone

1 kg di moscardini freschi
1 barattolo da 400 g di pomodori pelati (o in pezzi)
1 spicchio di aglio
½ bicchiere di olio extravergine
2 patate
prezzemolo
peperoncino

mettere nella pentola a pressione a crudo e senza soffriggere i polpi, l’olio, i pelati e l’aglio e il peperoncino senza aggiungere acqua e sale. Dal momento in cui la pentola va in pressione lasciar cuocere 15 minuti. I moscardini rilasciano molta acqua, per cui dopo questa prima fase di cottura, affinché il piatto non risulti esageratamente brodoso, si fa evaporare per una decina di minuti su fiamma viva, dopodiché si aggiungono le patate e si può ultimare la cottura a fuoco più basso sia in pressione che normalmente, calcolando che i tempi della pentola a pressione sono in genere un terzo di quelli in pentola normale. A fine cottura spolverare con prezzemolo tritato. Il piatto a mio parere raggiunge il suo massimo servito tiepido.
Nella variante con i polpi al posto dei moscardini (si ha un sapore più forte che ricorda molto da vicino i “polpi alla stintinese” che vengono serviti con patate fritte al posto delle patate in umido), utilizzare dei polpi piccoli (3 o 4 per un kg) e lasciare l’interno di una testa, che una volta aperta contribuirà a rendere un gustoso sugo scuro. Non più di una o due (a seconda delle dimensioni dei polpi) sennò il piatto risulterà troppo salato e scuro.
Per chi volesse cimentarsi nella ricetta senza pentola a pressione bisogna munirsi di un coccio, mettere tutto dentro, chiuderlo con la carta stagnola e uno spago a stringere, coprire con un peso e, a fuoco basso, avere la pazienza di aspettare un’ora e mezza almeno di cottura.

Cochi che l’ha data ad Anna che l’ha data a Marie…

 

13 Commenti a “moscardini soffocati in pentola a pressione di anna e di cochi”

  1. fra scrive:

    Ricetta incantevole. Mi piacciono molto i moscardini e cucinati in questo modo devono conservare tutti i loro splendidi profumi
    Un abbraccio
    fra

  2. Saretta scrive:

    concordo con Fra!Anzi sta ricetta la passoa nche a mamma che spesso mi faceva dei moscardini con la polenta da brivido!

  3. Maite scrive:

    sì, sì, Saretta pentola da brivido! proprio vero… io ne ho un po’ paura da sempre, poi da quando a Parigi una volta esplose spalmando zucca su tutto il muro del micro-appartamento (cucina, camera e ingresso praticamente un unico muro) la uso solo se accompagnata…

  4. Barbara scrive:

    I moscardini “soffocati” non li ho ancora mai.. assaggiati! ;-) Davvero invitanti… mi sa che li preparerò insieme ad una buona polenta, grazie!!

  5. Ady scrive:

    I miei sono polipetti affogati, non nella pentola a pressione, che a dirla tutto fa un pò paura anche a me, ma in pentola di coccio e senza patate, mi sà che la prossima volta ci metto le patate, per la pentola, ehm…se ci fosse qualcuno disponibile a cucina re con me sarebbe meglio, un abrraccio e buon we!
    P.S. come sarebbe bello ritirarsi in sardegna come Cochi!!!!

  6. alexandra scrive:

    Che buoni ragazze i moscardini!!! li faccio anch’io affogati ( o soffocati?…mamma mi sento una criminale)però sono ottimi…quel sughetto poi…

  7. michelangelo scrive:

    una vera bontà! Sarà un destino crudele, ma questa è… la morte loro!
    Michelangelo

  8. monique scrive:

    Ehi Calicanti!Ieri sera ho fatto i vostri moscardini!! Uno spettacolo!! Grazie e smpre complimenti!

  9. giorgio scrive:

    strana coincidenza con il caro amico cuoco di stintino.. sono rientrato dalle vacanze in sardegna ero ad Alghero, una sera siamo andati al ristorante la Lanterna e ho preso il Polpo soffocato alla fine della cena mi sono fatto dare la ricetta,era fantastico;nelle prossime settimane devo farlo poi faccio sapere..

  10. [...] per la pentola, ehm…se ci fosse qualcuno disponibile a cucina re con me sarebbe meglio, … dettagli Moscardini soffocati RicettaUnire i moscardini, puliti e lavati in precedenza. Aggiungere il [...]

  11. che ricetta! semplice ma sicuramente gustosissima! un ottimo motivo per vincere la paura della pentola a pressione!!

  12. francesca scrive:

    ho provato la ricetta ed è stato un successo!!!
    E’ molto veloce e di facile esecuzione.
    grazie