marmellata di mandarini di maria catena

 

Le vie delle marmellate sono a volte infinite.
Questa marmellata, di cui dispiace di non poter trasmettere nemmeno lontanamente il profumo, è arrivata in un pacco dalla Sicilia, regalo di un’amica di scuola della zia Graziella. In casa l’abbiamo centellinata, benché il barattolo fosse enorme, ma vedendo rapidamente arrivare il fondo ci siamo affrettati a recuperare la ricetta, che è arrivata a parte e per posta.
Così, nell’idea di poterla rifare, la si mangia con meno senso di colpa… perché davvero il sapore è sublime ma il profumo, merito della bollitura delle bucce, è oltre!
Grazie Maria Catena.

La ricetta

Ingredienti

1,300 kg di mandarini biologici
1 kg di zucchero
1 bustina di pectina

Lavare i mandarini, metterli a scolare e sbucciarli. Bollire le bucce finché non siano morbide, scolarle e passarle nel mixer.
Pulire i mandarini dalla pellicina e tagliarli a fette eliminando i semi, unire alle bucce passate, lo zucchero e la pectina. Far bollire almeno per 15 minuti quindi versare ancora calda in barattoli sterilizzati, chiudere subito e per maggior sicurezza sterilizzare i barattoli facendoli bollire coperti di acqua.

maite

13 Commenti a “marmellata di mandarini di maria catena”

  1. Alex scrive:

    Non ci crederete, ma con le vostre foto siete davvero riusciti a far arrivare il profumo fin qui.
    Difficile trovare qui i mandarini non trattati. Per ora mi godo la marmellata di arance che mi è stata regalata l’altro giorno.

  2. elisabetta scrive:

    NaturaSì aveva una bella cassa di mandarini qualche giorno fa, potrei fare un raid questa mattina, magari sono fortunata e ne trovo ancora qualcuno :D

  3. maite scrive:

    @Alex: sei troppo carina tu…
    @elisabetta: corri! mi sento di dire che per questa robina qui ne vale la pena

  4. nina scrive:

    bellissima la foto che imbratta dolcemente la lettera dalla ricetta preziosa…

  5. fra scrive:

    Il profumo non arriva ma le vostre foto trasmettono tutta la poesia che ha questa marmellata
    un abbraccio
    fra

  6. comidademama scrive:

    il mio regno per un pacco dalla Sicilia!

    La nostra amica Sara, mallorquina ormai da nove anni, ha una sua paziente che le preparava una marmellata mandarini e arancio molto simile. Era meravigliosa.

    Ora cerco gli ultimi mandarini bio
    E anche i limoni, per farli confit.

    Sappiate che per colpa vostra guardo con cupidigia la pianta del limone sul balcone del vicino di casa. Per le foglie, of course.

  7. marie scrive:

    @comida, prova a chiedere al tuo vicino se ti da qualche foglia… ma non rivelargli le svariate possibilità perché se no tra poco il suo albero sarà tutto spelacchiato.

  8. Giò scrive:

    effettivamente l’utilizzo delle bucce sembra una mossa vincente! tranquille:il profumo si sente anche dal computer!

  9. comidademama scrive:

    Giusto Marie.
    Intanto nella cascina piemontese il limone di mia mamma trema all’arrivo imminente delle vacanze di Pasqua.

  10. maite scrive:

    @marie e comida: questa faccenda dei limoni tremanti minacciati di spoliazione comincia velatamente a farmi sentire in colpa e penso poi a quel povero “orfano” che langue nel guardino abbandonato del fotografo… marie ma non dovevi dagli lezioni di giardino al-fotografo-sciagurato?

  11. Elvira scrive:

    Non potete capire come mi state tentando, già mi domando se troverò ancora dei mandarini decenti, e soprattutto se li troverò biologici…..ma..avete recuperato uno dei cucchiaini di Uri Geller??? :)))

  12. ale scrive:

    Diavoli tentatori… ho appena fatto la marmellata utilizzando questa ricetta… non potete capire il profumo che c’è in tutta la casa adesso…. buonissima, ma ha un punto di amaro che vorrei togliere.. ho forse sbagliato qualcosa nella ricetta?
    pelato i mandarini.. eliminate tutte le parti bianche… bollite le bucce, frullate, messo a cuocere con lo zucchero e la pectina…. addensata alla perfezione…un po’ amarognola.. ma con il formaggio penso sarà perfetta!!!

  13. [...] Marmellata di mandarini di Maria Catena. Strepitosa, basta trovare dei buoni mandarini. – di La cucina di [...]