quaderni nuovi: l’officina calycanta e il vintage

Quest’anno la rentrée ha avuto un sapore speciale (si fa per dire…), una cosa dal gusto agro-dolce e decisamente retrò, una specie di ritorno al passato che ci ha fatto scoprire uguali e diversi, ritrovarci e riconoscerci un anno più giovani. Fuor di metafora tutto questo per dire che dopo l’attacco ferragostano dei pirati alla nostra cucina ci siamo trovati prima al buio e poi aggiornati a un anno fa, con i post, le cene, i pranzi, le ricette e le foto del 2015 salvati in certi archivi segreti, ma destinati a dover essere caricati a mano. Uno per uno. Pazienza. Ce ne occorrerà di nuova e di vecchia, ma cercando di fare il viso buono al gioco cattivo ci siamo convinti che sia un modo per rimasticare da capo l’ultimo anno, una cosa un  po’ Vintage insomma….

E questa alla fine deve essere la chiave. Dopo l’uscita del nostro libro a maggio lo spirito ci è rimasto addosso: è la magia del Vintage, guardarsi indietro per riscoprirsi, stupirsi e ribadirsi. Cose strane facevamo l’anno scorso: un viaggio lunghissimo dentro la Spagna, costeggiando distese di ulivi, finendo e ripartendo in Galizia, proprio dove quest’anno ci siamo affacciati alla clausura in cerca di certi pescetti di pasta di mandorle. Le avventure si intrecciano e davvero non si perde nulla, anche quando sembra di aver dimenticato, e certi “incidenti” trovano un senso diverso quando capitano a capo di anno, in quel settembre carico di promesse e buoni propositi in cui si stira il colletto del grembiule e si annusano i quaderni nuovi. Che profumo!
Di cose “strane” in questo anno che viene abbiamo in mente di farne a bizzeffe, a cominciare dalla prossima data il 20 settembre in cui tornerà a Rovereto nello spazio di Generi Misti l’Officina Calycanta di Fotografia & Cibo con un’edizione un po’ speciale incentrata sul Vintage. Mano alle macchine fotografiche e ai bauli della nonna dunque perché la sera festeggeremo l’anno Vintage con un Party tremendamente retrò: vestiti a tema, cibo a tema (con 10 assaggi dai dieci decenni del Novecento), cocktail su misura e musica in vinile. Ci sarà la modella, ci saremo noi, ci sarà persino un Fotografo in panciotto (di lino o di lana dipende dai gradi) che animerà set d’epoca e ritrarrà “dagherrotipi”.

Per tutte le informazioni e le prenotazioni:
igenerimisti@gmail.com

Ci vediamo lì.

4 Commenti a “quaderni nuovi: l’officina calycanta e il vintage”

  1. Thea scrive:

    Che bello ritrovarvi

  2. maite scrive:

    Grazie Thea ;)

  3. Maddalena scrive:

    Carissimi, bentrovati!

    è dunque a causa dell’intrusione piratesca che non trovo più la ricetta di quei deliziosi biscotti con farina di mais che una vostra amica vi aveva fatto avere? forse si chiamano anche ‘pasta meliga’ o giù di lì…? io ricordo una foto dei biscotti su un canovaccio bianco e rosso. E una ricetta che non trovo più. Accidenti ai pirati!

    • maite scrive:

      ecco sì, accidenti ai pirati! staranno su uno scoglio in qualche mare tempestoso a sgranocchiare biscotti di mais…
      Ps piano piano rimedieremo a tutto, promesso, ma dobbiamo ricucire la tela a mano briciola per briciola.