frittata di talli d’aglio

Prima che sia tardi acchiappateli al volo e tirate forte, portateli a casa e fatene quel che volete.
I talli di aglio durano infatti il tempo di un momento, poi non c’è che fare, tocca aspettare un anno intero e sorvegliare la tarda primavera per vederli spuntare, sparuti, in avvertiti banchi di mercato.
Qui a Barcellona sono un sogno proibito, ma Marie a Roma li ha scovati a Ponte Milvio e memore di quella volta che avevano viaggiato stipati in valigia dal Trentino fino alla capitale, se li è messi in saccoccia.

Il Fotografo, quel fortunello, se ne è pappata una frittata goduriosa con le uova battute con un poco di parmigiano e loro lessati appena.
Ma buonissimi sono buonissimi anche solo lessati con olio e sale. Provare per credere.

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

1 Commento a “frittata di talli d’aglio”

  1. Thea scrive:

    Confermo, sono eccezionali ! Anche mescolati ai fagioli o cornetti che dir si voglia